Gigi D’Alessio: “Neomelodici non esistono. Giornalisti ridotti male: copiano post Fb”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Febbraio 2015 17:38 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2015 17:38
Gigi D'Alessio: "Neomelodici non esistono. Giornalisti ridotti male: copiano post Fb"

Gigi D’Alessio (LaPresse)

NAPOLI – Gigi D’Alessio si sfoga durante un’intervista rilasciata a Radio Club 91. Il cantante napoletano parla dei neomelodici e attacca i giornalisti.

Sono contro i neomelodici: non esistono. Dipendono dagli occhi di chi li guarda. Anche Ramazzotti e la Amoroso lo sono allora, in quanto nazionalpopolari. Come lo furono Modugno e Villa. Secondo me invece cosa sono? Sono cantanti italiani con la fortuna di essere nati a Napoli”.

Poi aggiunge:

 “I miei dischi si vendono come le auto della Fiat ma sono decisamente meglio. E se cantassi il disco di un altro non se ne accorgerebbero”.

E dichiara:

“Sanremo lo vedo da casa: non ci vado neppure come ospite”.

Poi ironizza:

“Ve lo direi se ci andassi, è una cosa bella mica un’appendicite.”

Ai microfoni de “I Radioattivi”, programma condotto da Ettore Petraroli e Rosario Verde su Radio Club 91 spiega:

“Gli italiani stessi sono neomelodici: il termine in sé significa tutto e nulla, se n’è fatto un gran frullato. Per alcuni sono un gruppo di artisti da ghettizzare, per altri un artista rionale, un cantante di zona che non deve uscire da quella gabbia, per altri ancora è la nuova linea melodica della musica napoletana”.

A questo punto l’attacco ai giornalisti:

“Non si può piacere a tutti: a chi piace pasta e ceci e a chi pasta e fagioli. Oggi internet ha dato purtroppo la parola a molti … La categoria dei giornalisti è ridotta male se molti scrivono articoli sulla base di post presi da Facebook. Ma se ti fermi ai commenti di Facebook sono esci neppure più di casa. Per fortuna poi in strada, fuori dalla realtà virtuale c’è l’affetto vero di persone vere. Così come c’è anche l’invidia ma la missione è convincere gli invidiosi e conquistare i nemici con il mio lavoro”.

A proposito del presunto tradimento della musica napoletana, il compagno di Anna Tatangelo spiega:

“Se vuoi uscire dai confini devi farti comprendere ovunque e solo ora sono libero di cantare in lingua napoletana, dopo anni posso cantare quello che voglio, anche il disco di un altro, tanto non se ne accorgono”.