Giorgia Meloni per la sua doppia pensione rinuncerà ai contributi figurativi?

di Franco Abruzzo
Pubblicato il 15 gennaio 2014 9:20 | Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2014 9:24
Giorgia Meloni per la sua doppia pensione rinuncerà ai contributi figurativi?

Giorgia Meloni: ha due pensioni, con i contributi figurativi che vorrebbe togliere agli altri, Rinuncerà anche ai suoi?

Giorgia Meloni, leader dei Fratelli d’Italia, incalzata da me nella qualità di presidente dell’Unione nazionale pensionati per l’Italia –Unp@it, ha rilanciato la posta chiedendo che anche i vitalizi dei parlamentari, maturati entro il dicembre 2011, siano calcolati con il metodo contributivo e che abbiano un tetto di 5 mila euro lordi (3.100 euro netti).

D’Alema, Fini, Veltroni con centinaia di ex deputati e senatori tremano all’idea di essere ridotti in povertà nella vecchiaia. Ed è già partita la controffensiva per “calmare” la Meloni e farla ragionare, perché il contributivo porta più soldi ai magistrati, agli avvocati dello Stato, gli alti burocrati della Pa, agli ufficiali generali, ai manager, ai primari e ai giornalisti in pensione, mentre deprime gli assegni di impiegati e operai.

Il ricalcolo riguarderebbe tutti i pensionati, non solo quelli che percepiscono dai 2.500 euro in sù nel rispetto del principio-cardine dell’uguaglianza di trattamento (art 3 Cost).

L’idea è in ogni caso demenziale. Lo Stato e le altre amministrazioni pubbliche (Inps e Casse) dovrebbero assumere migliaia di ragionieri e di dottori in economia per fare le pulci alle rendite di almeno 16,7 milioni di cittadini.

E poi Tar e Corte dei conti sarebbero invase da migliaia di ricorsi. Ho chiesto che l’Inps e le Casse diano ai loro iscritti le “carte” per potersi tutelare, sottolineando che la difesa è un diritto inviolabile della persona.

Giorgia Meloni, come giornalista professionista, ha il diritto di chiedere (ex art. 31 della legge 300/1970) i contributi figurativi all’Inpgi per tutto il periodo di mandato parlamentare. Franco Abruzzo ha chiesto a Giorgia Meloni “di dire agli italiani se ha rinunciato o no ai contributi figurativi dell’Inpgi che potrebbero garantirle la seconda pensione a spese dei giornalisti”. Sul punto io ho aggiunto: “E’ la volta buona che il Parlamento affronti il tema dell’articolo 31 della legge 300/1970 (Statuto dei Lavoratori). E’ assurdo che parlamentari e consiglieri regionali abbiano il vitalizio e poi anche la seconda pensione garantita dai versamenti dei cittadini iscritti all’Inps e alle Casse. E’ un lusso discriminatorio. Deve vincere il principio di “una testa una pensione o un vitalizio)”.

Giorgia Meloni, come i suoi colleghi deputati eletti prima del 2012, ha il vitalizio calcolato (dal 2006 al 2011) con il sistema retributivo (al quale nessuno rinuncia e per il quale nessuno fino a ieri ha chiesto il ricalcolo secondo il metodo contributivo).

Due pesi e due misure rispetto ai cittadini comuni. Fantastico esempio di uguaglianza di trattamento! Il nuovo sistema di calcolo contributivo si applica integralmente ai deputati eletti dopo il 1° gennaio 2012, mentre per i deputati in carica, nonché per i parlamentari già cessati dal mandato e successivamente rieletti, si applica un sistema pro rata, determinato dalla somma della quota di assegno vitalizio definitivamente maturato alla data del 31 dicembre 2011 (con il sistema retributivo, ndr), e di una quota corrispondente all’incremento contributivo riferito agli ulteriori anni di mandato parlamentare esercitato.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other