Giulietti in diretta dalla Camera: “Stavolta con Berlusconi è finita”

di Giuseppe Giulietti
Pubblicato il 8 Novembre 2011 17:17 | Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2011 17:27

Il risultato della votazione alla Camera sul rendiconto di Bilancio (Lapresse)

ROMA – Questa volta è finita davvero. Nonostante ricatti e minacce, il governo ha ottenuto solo 308 voti sul rendiconto generale della amministrazione dello Stato per il 2010.

Il bilancio è passato solo per l’astensione di tutte le opposizioni che hanno voluto così verificare la reale consistenza delle truppe berlusconiane.

Berlusconi, arrivato, come sempre, appena qualche secondo prima del voto finale, ha potuto solo prendere atto del risultato comparso apparso sul tabellone della Camera dei Deputati.

Chiunque altro, dopo un simile disastro, avrebbe deciso di chiudere il fascicolo di recarsi al Quirinale per rassegnare le dimissioni.

Tutti, ma non lui che, almeno per ora, continua a ripetere la litania del “Io non mi dimetto, voglio vedere in faccia i traditori…”, questa la dice lunga sullo stato di stordimento, di terrore, di rabbia, che anima Berlusconi.

Non contento, subito dopo il voto, lui medesimo, in piena aula, circondato dai fedelissimi, si è messo a studiare i tabulati della votazione, ha tirato giù i nomi degli assenti, forse li convocherà nel suo studio, forse prometterà, forse minaccerà, ma ormai il suo viaggio poltico è finito.

Sicuramente ci riproverà, sicuramente inventerà qualche ultima diavoleria, ma ormai le minacce “dell’incredibile Silvio” invece di di suscitare paura e terrore rischiano di aizzare lazzi e frizzi persino tra i suoi ex fedelissimi.

Restiamo, ovviamente, in attesa del prossimo editoriale di Minzolini che non mancherà di celebrare quota 308 e di definirla “una quota di sicurezza dalla quale ripartire per rifondare la maggioranza…”, auguri anche a lui!