Aurora Ramazzotti vittima di molestie per strada (catcalling): “Nel 2021 ancora ci sono questi commenti sessisti, vergogna”

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 30 Marzo 2021 9:58 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2021 9:58
Aurora Ramazzotti molestie per strada catcalling

Aurora Ramazzotti vittima di molestie per strada (catcalling): “Nel 2021 ancora ci sono questi commenti sessisti, vergogna”

Aurora Ramazzotti, uscita per una corsa dopo l’allenamento, ha raccontato di aver subito molestie per strada. “Nel 2021 ancora capita di frequente il fenomeno del catcalling”, dice la figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker facendo riferimento a questi “apprezzamenti” ricevuti per strada.

“Sono vittima nonostante mi vesta da maschiaccio. Appena mi metto una gonna e mi tolgo la giacca sportiva devo sentire i fischi, i commenti sessisti”, dice Aurora Ramazzotti in una stories su Instagram. “Mi fa schifo: e se tu che stai guardando questa storia fai una cosa del genere, sappi che fai schifo”.

Che cos’è il catcalling

Con catcalling si indica tutta quella serie di apprezzamenti fatti a una donna per la strada da parte degli uomini ma che, in realtà, risultano essere tutto tranne che dei veri complimenti. Fischi, frasi come “ciao bella” o “esci con me stasera?”, non sono né un modo per cercare di conoscere la ragazza in questione né per dimostrare un reale interesse. Si tratta di una vera e propria molestia verbale.

Secondo uno studio condotto dalla Cornell University nel 2015, quasi l’80% delle ragazze intervistate in Italia aveva dichiarato di aver subito almeno un episodio di catcalling al di sotto dei 17 anni. Alcune vittime hanno detto esplicitamente di fare molta più attenzione al tipo di abbigliamento scelto quando vanno in giro, mentre altre tendono a evitare una strada piuttosto che un’altra, a seconda di quanto sia frequentata.

Il catcalling è un reato?

In Francia, il presidente Emmanuel Macron ha varato un disegno di legge nel 2018 che multa chi rivolge dei complimenti non richiesti a donne incontrate per strada. Secondo il provvedimento, il catcalling sarebbe una molestia perché non ha nulla a che fare con un tentativo consensuale di flirt. In Italia, invece, non è ancora considerato un reato. 

 

 

 

In questo articolo parliamo anche di: