Comunione risposati, cardinale: Solo se non più fanno sesso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Ottobre 2015 5:27 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2015 8:54
Comunione risposati, cardinale: "Solo se non fanno sesso"

Cardinale Peter Erdo al Sinodo (Foto LaPresse)

ROMA – La comunione ai divorziati cattolici risposati può essere concessa solo se non fanno sesso. A dirlo è il cardinale ungherese Peter Erdo, intervenuto al Sinodo sulla famiglia organizzato dal Vaticano. Se Papa Francesco ha aperto alla comunione ai risposati, ricordando che Gesù perdonò l’adultera, il cardinale Erdo invece sostiene che i cattolici risposati col rito civili sono considerati adulteri e non dovrebbero accedere alla comunione.

Il Daily Mail scrive che secondo il cardinale, i cattolici risposati col rito civile non dovrebbero ottenere la comunione, a meno che non siano disposti ad astenersi dal sesso col nuovo partner. Per i cattolici divorziati che invece vogliono risposarsi in chiesa, l’unico modo dovrà essere quello di ottenere l’annullamento delle precedenti nozze, cioè invalidare il precedente matrimonio.

Il motivo per cui la comunione non va concessa, secondo il cardinale Erdo, è che i risposati con rito civile sono considerati come adulteri. Se il cardinale Erdo sottolinea la sua “scomunica” ai risposati, diversa è la posizione di Papa Francesco, che intervenuto al Sinodo sulla famiglia ha ricordato come Gesù abbia perdonato l’adultera, mentre i Dottori della Legge non erano pronti a farlo.

Un invito, quello del pontefice, rivolto ai vescovi che dovrebbero mettere da parte i pregiudizi e avere il coraggio e l’umiltà di guidare le nuove famiglie cattoliche in una società dove divorzi e unioni civili, anche tra omosessuali, sono ormai una realtà consolidata.