Ue vs voli low cost: “Bagaglio a mano, controllo a check-in, non a gate”

Pubblicato il 19 Gennaio 2013 13:07 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2013 13:12
Ue vs voli low cost: "Bagaglio a mano, controllo a check-in, non a gate"

Ue vs voli low cost: “Bagaglio a mano, controllo a check-in, non a gate” (Foto LaPresse)

STRASBURGO – “Il bagaglio a mano deve essere controllato al check-in, non al gate”. L’Unione europea lancia la sfida alle compagnie aeree low cost. L’Ue deve adottare norme comuni che mettano la parola fine alle restrizioni eccessive sul bagaglio a mano praticate da alcune compagnie aeree.

Il 18 gennaio a Strasburgo la questione bagaglio a mano ha diviso le opinioni tra chi chiede noirme precise e chi non crede che spetti a Bruxelles emettere normativa in materia.

Georges Bach del Ppe ha detto: “Dobbiamo proteggere i consumatori dalle pratiche commerciali abusive che le compagnie aeree utilizzano per generare guadagni supplementar. ”Il bagaglio a mano dev’essere verificato al momento del check-in e non al gate”, gli ha fatto eco il belga Said El Khadraoui, di S&D.

La maggior parte dell’Aula ha chiesto alla Commissione europea d’includere, nella revisione della legislazione sui diritti dei passeggeri prevista entro l’estate, una norma sul bagaglio a mano.

Il commissario Ue al Commercio, Karel De Gucht, ha però raffreddato gli animi, dicendosi contrario a un’azione normativa di Bruxelles. Le restrizioni sul bagaglio ”sono il riflesso della diversità in un mercato molto competitivo”, ha spiegato De Gucht.

L’Europarlamento aveva già chiesto di contrastare le pratiche sul bagaglio adottate dalle principali compagnie low-cost in una risoluzione sugli aeroporti regionali approvata nel maggio 2012.