David Sassoli (Pd) eletto presidente del Parlamento Ue. Tra gli italiani solo il Partito Democratico lo ha votato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Luglio 2019 13:13 | Ultimo aggiornamento: 3 Luglio 2019 18:36
David Sassoli (Pd) eletto presidente del Parlamento Ue (foto Ansa)

David Sassoli (Pd) eletto presidente del Parlamento Ue (foto Ansa)

ROMA – L’eurodeputato Pd David Sassoli è stato eletto presidente del Parlamento Ue alla seconda votazione con 345 voti. La maggioranza necessaria prevista era di 334 voti. Sassoli ne aveva presi 325 voti nella prima votazione.

“Tutti voi capirete la mia emozione – ha detto il neo presidente dell’Europarlamento – in questo momento nell’assumere la presidenza del Parlamento Ue. Ringrazio il presidente Tajani per il lavoro che ha svolto, per il suo grande impegno e la sua dedizione a questa istituzione”. Un lungo applauso dell’aula ha salutato il ringraziamento rivolto da Sassoli a Tajani.

L’accordo non scritto, ma tacito, è che poi tra due anni e mezzo ci sarà la staffetta tra Sassoli e il tedesco Manfred Weber del Partito Popolare Europeo.

5 x 1000

Solo il Pd, tra i partiti italiani, ha votato David Sassoli alla presidenza del Parlamento europeo. Forza Italia, a quanto si apprende, si è astenuta. La Lega e Fdi hanno votato per Jan Zahradil (Conservatori Ecr). Il Movimento 5 Stelle ha invece lasciato libertà di coscienza.

All’Europa, ha continuato Sassoli nel suo intervento, serve “recuperare lo spirito dei padri fondatori”, “coniugare crescita, protezione sociale e rispetto dell’ambiente” e “rilanciare gli investimenti sostenibili”. Lo ha detto David Sassoli parlando al Parlamento Ue subito dopo la sua elezione. L’esponente del Pd ha poi sottolineato la volontà e l’impegno per incrementare “la parità di genere” e favorire “un maggior ruolo delle donne ai vertici dell’economia, della politica e del sociale”.

“Non siamo un incidente della Storia – ha detto ancora Sassoli – ma i figli e i nipoti di coloro che sono riusciti a trovare l’antidoto a quella degenerazione nazionalista che ha avvelenato la nostra storia. Se siamo europei è anche perché siamo innamorati dei nostri Paesi. Ma il nazionalismo che diventa ideologia e idolatria produce virus che stimolano istinti di superiorità e producono conflitti distruttivi”.

Chi è David Sassoli? Fiorentino, 63 anni, passato da giornalista come conduttore e poi vice direttore del Tg1, nel 2009 Saassoli ha iniziato la sua carriera politica con il Partito Democratico. Eletto parlamentare europeo nel 2009, nel 2013 perde le primarie del Pd per le Comunali a Roma. Sassoli viene rpoi ieletto parlamentare europeo nel 2014 e nel 2019.

Fonte: Ansa.