Campovolo: vedi Ligabue e finanzi il Pd. Il caso parcheggi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Settembre 2015 11:30 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2015 11:30
Campovolo: vedi Ligabue e finanzi il Pd. Il caso parcheggi

Campovolo: vedi Ligabue e finanzi il Pd. Il caso parcheggi

ROMA – In 150mila hanno applaudito Ligabue nel mega concerto organizzato a Campovolo (Reggio Emilia). Pochi sapevano però che parcheggiando l’automobile in almeno 7 parcheggi su 10 dell’aerea avrebbero finanziato FestaReggio, la festa dell’Unità del Pd locale cui l’organizzazione del concerto ha affidato la gestione dei parcheggi a pagamento. Con quelli del Comune provvisoriamente chiusi per questioni di viabilità. Senza contare gli incassi dei numerosi punti ristoro delle cooperative rosse, sempre gestiti da FestaReggio, aperti in concomitanza con il concerto.

E’ l’accusa del M5S in particolare, cui si aggiunge la Lega: salta all’occhio, secondo i contestatori, come i 20mila euro di ricavo netto su un incasso totale di 130mila euro iscritti a bilancio, rappresentino un caso di “finanziamento illecito” a FestaReggio, Pd. Evaristo Sparvieri della Gazzetta di Reggio segnala come Lega e M5S contestino il fatto che gli spettatori siano stati tenuti all’oscuro della destinazione dei soldi spesi ai parchimetri. Dal Pd respingono ogni accusa.

A respingere ogni accusa, Ermete Fiaccadori, già tesoriere di FestaReggio e amministratore della cooperativa Aliante, che in occasione del concerto ha gestito lo spazio tende. «Chi oggi polemizza sollevando il problema che gli utenti dei parcheggi non erano informati sulla gestione, avrebbe dovuto documentarsi constatando che nei biglietti di accesso è chiaramente visibile il marchio di Festareggio». Secondo quanto riferisce Fiaccadori, «è stata la F&P, organizzatrice dell’evento, a chiederci la gestione dei servizi». E l’esponente Pd non nasconde soddisfazione per la riuscita logistica dell’evento. (Evaristo Sparvieri, Gazzetta di Reggio).