Consiglio Superiore di Sanità, polemica sulle nomine. C’è anche Camillo Ricordi: aprì a metodo Stamina

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2019 22:54 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2019 22:54
Consiglio Superiore di Sanità, polemica sulle nomine. C'è anche Camillo Ricordi: aprì a metodo Stamina

Consiglio Superiore di Sanità, polemica sulle nomine. C’è anche Camillo Ricordi: aprì a metodo Stamina

ROMA – Poco rosa, per la presenza di sole tre donne, e all’insegna delle polemiche. Fa discutere il decreto firmato oggi dal ministro della Salute, Giulia Grillo, che sancisce la nomina dei nuovi membri non di diritto del Consiglio Superiore di Sanità. Tra le new entry figura anche lo scienziato Camillo Ricordi, che nel 2013 aprì al metodo Stamina di Davide Vannoni. 

A inizio dicembre la stessa Grillo aveva azzerato l’organo tecnico-consultivo del ministero, revocando la nomina ai membri nominati dalla sua predecessora Beatrice Lorenzin. Oggi, con l’annuncio delle nuove nomine, si è subito accesa la polemica. La ministra si è detta orgogliosa della sua scelta che, assicura, “si è giocata sui titoli e sulle competenze”.

E’ stato scelto, ha sottolineato, “il top assoluto per esclusivi meriti scientifici e in trasparenza. Il merito dev’essere finalmente la bussola che orienta le nomine in questo Paese. Si tratta di personalità di chiara fama, inserite tra i Top Italian Scientists. Orientamento politico, religioso, derive personali non rientrano in questi sistemi di valutazione”.

Dopo l’insediamento dei 30 membri, il Consiglio deciderà il nuovo presidente. Nell’obiettivo di “rilanciare e valorizzare pienamente la ricerca scientifica del nostro Paese”, ha inoltre rilevato il ministro, il Consiglio “giocherà un ruolo attivo nella consulenza per le decisioni strategiche”. Da qui la scelta dei nomi, tra i quali un membro della Commissione Nobel (Maria Masucci) e 4 italiani che hanno lasciato il nostro Paese per vari motivi e lavorano da anni in importanti istituzioni internazionali (Giulio Cossu, Camillo Ricordi, Paolo Vineis e la stessa Masucci).

Riconfermati i professori Giovanni Scambia e Bruno Dallapiccola, mentre escono dal Css Silvio Garattini, Edoardo Boncinelli e Alberto Mantovani. Grillo punta pure a modernizzare il Servizio sanitario e per questo nel nuovo Css ci saranno competenze in Computer Science e bioinformatica, accanto all’epidemiologia, Immunologia, Igiene, prevenzione Oncologica e allo studio sulle malattie croniche non trasmissibili.

Ma la squadra non piace a Forza Italia, che considera le nomine di Grillo “un’umiliazione per le donne”, e neanche al Pd che chiede quale sia il metodo Grillo. Sotto accusa la scarsa attenzione per la componente femminile, che vede la presenza di sole 3 professioniste (Paola Di Giulio, Silvia Giordano e Maria Masucci), contro le 14 componenti presenti nel precedente Css a nomina di Beatrice Lorenzin (inclusa la presidente Roberta Siliquini).

Insomma, commenta Lorenzin, “non ci sono donne che meritano per la ministra di essere considerate top assoluto, per utilizzare una sua espressione. Le donne sono scomparse dall’orizzonte del governo giallo-verde, e spiace ancora di più quando i titolari delle nomine sono proprio donne”. Ma la polemica è anche sul nome di Ricordi, che nel 2013 aprì alla possibilità di sperimentazione del metodo Stamina mettendo a disposizione di Davide Vannoni i laboratori del suo centro di Miami, possibilità poi decaduta.

La “antiscienza fa il suo ingresso tra i nuovi membri del Consiglio superiore della Sanità. Complimenti alla ministra Grillo per aver promosso Camillo Ricordi, già sponsor di primo livello della truffa chiamata metodo Stamina”, è il commento della senatrice del Pd Caterina Bini.