Imu bis? “Può servire ai Comuni”. Parola di relatore

Pubblicato il 21 Aprile 2012 18:08 | Ultimo aggiornamento: 21 Aprile 2012 18:14

ROMA – ''Lo scopo era il riallineamento e comunque i comuni se vogliono possono migliorare e meglio qualificare la spesa'': cosi' il presidente della commissione Finanze della Camera e relatore al dl fiscale, Gianfranco Conte, commenta l'emendamento approvato durante l'esame del provvedimento e che rischia di introdurre una sorta di Imu-bis.

''Certo – aggiunge – quando uno interviene sulla tassa di scopo si assume la responsabilita' di cio' che fa''. Conte rivendica il proprio ruolo di mediazione durante l'esame del decreto legge anche rispetto alle pressioni arrivate dal fronte degli enti locali: ''Se qualcuno pensa – dice – che io abbia interesse ad aumentare le tasse per garantire l'inefficienza degli enti pubblici si sbaglia. Ho anche dovuto ingoiare qualche rospo'. Pensare, dice, che ''i comuni tramite il governo mi hanno chiesto di aumentare le spese per i convegni…una ipotesi alla quale mi sono fieramente opposto''. Il ''punto di caduta – conclude infatti – e' stato un altro: vale a dire, la possibilita' per gli enti locali di aumentare il numero dei dirigenti''.