Livorno, fascisti e comunisti con M5S contro il Pd al ballottaggio

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Maggio 2014 12:00 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2014 12:01
Marco Ruggeri

Marco Ruggeri

LIVORNO – Fascisti e comunisti, inedita alleanza a Livorno per appoggiare il candidato M5S al ballottaggio e affondare quello del Pd. Dopo settant’anni di amministrazione di sinistra qualcosa è cambiato in una delle città più “rosse”, visto che le alleanze alla vigilia del secondo turno delle amministrative ridisegnano, di fatto, la mappa politica della città.

L’8 giugno prossimo i livornesi sono chiamati a esprimersi sul nuovo sindaco, e potranno scegliere tra Filippo Nogarin, del M5S, e Marco Ruggeri del Pd. Dalle dichiarazioni sulle alleanze emerge un dato: sinistra radicale e destra sociale andranno a braccetto, sostenendo entrambe il candidato grillino. La lista civica Buongiorno Livorno, di sinistra, con ogni probabilità appoggerà il candidato M5S. Il Pd è, di fatto, solo e a Ruggeri il 40% del primo turno rischia seriamente di non bastare.

Marcella Amadio, esponente della destra livornese che si è dichiarata fascista, ha già fatto endorsement per Nogarin: “L’unico modo per abbattere dopo 70 anni il regime comunista di questa città”. Un’opinione piuttosto condivisa, evidentemente.