Napolitano: “Corruzione vergognosa: non è un contesto per cittadini onesti”

Pubblicato il 25 settembre 2012 20:02 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2012 20:23
Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano (Foto Lapresse)

ROMA – Giorgio Napolitano prende posizione contro i “fenomeni di corruzione inimmaginabili e vergognose” diffusi. Pur senza entrare direttamente nel merito della vicenda della regione Lazio, che ha portato alle dimissioni del governatore Renata Polverini, Napolitano ha detto, parlando in occasione dell’inizio dell’anno scolastico: ”Anche di recente la cronaca ci ha rivelato come nel disprezzo della legalità si moltiplichino malversazioni e fenomeni di corruzione inimmaginabili, vergognosi”.

Il presidente della Repubblica, di fronte a circa tremila giovani studenti nel cortile del Quirinale, ha più volte sottolineato ”il valore della legalità”, valore ”purtroppo” violato più volte come anche ”la recente cronaca ci ha rivelato”.

Si moltiplicano così ”malversazioni e fenomeni di corruzione inimmaginabili e vergognose” ha setto Napolitano. ”Non è questo un contesto accettabile per persone sensibili al bene comune, per cittadini onesti, né per chi voglia avviare un’impresa”.

Bisogna quindi ”risanare in profondità la politica” per combattere l’antipolitica crescente, ha detto tra gli applausi. E anche, ha aggiunto rivolto probabilmente al governo, ”chi vuole promuovere nuovi investimento non può ignorare lo svantaggio della corruzione e del malaffare”. Un vero e proprio handicap allo sviluppo che, per il presidente, non solo si deve combattere ma che si può vincere.