Pd: Renzi, persone non dirigenti scelgano candidato primarie

Pubblicato il 30 ottobre 2011 15:04 | Ultimo aggiornamento: 30 ottobre 2011 15:05

FIRENZE, 30 OTT – Non fare le primarie sarebbe ''peggio di un crimine'', sarebbe un errore. Lo ha detto Matteo Renzi, citando Alexandre-Angelique de Talleyrand e cosi' rispondendo a chi gli chiedeva un commento sull'ipotesi che il partito possa convocare un'Assemblea nazionale per candidare il segretario Bersani, ''unico candidato'', alle primarie di coalizione. ''Il candidato del Pd deve essere scelto dalle persone e non da un gruppo dirigente''.

Per il sindaco di Firenze, quindi, il modello di primarie e' quello che lo ha portato alla poltrona di Palazzo Vecchio, ossia aperto a chi voglia correre. Tra l'altro se ci saranno, ''conoscendola – ha concluso – credo che si candidera' anche Rosy Bindi, di cui io, e lo ribadisco, non ho mai parlato male''.