Governo, Berlusconi: “No larghe intese”. Pd spinge Gentiloni ma resta idea Renzi-bis

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 dicembre 2016 16:50 | Ultimo aggiornamento: 10 dicembre 2016 16:52
Pd spinge per Paolo Gentiloni premier

Paolo Gentiloni e Matteo Renzi (Ansa)

ROMA – Berlusconi dice no ad un governo di larghe intese: “L‘unica strada possibile è l’approvazione in tempi rapidi di una nuova legge elettorale e poi il voto”.

Terzo e ultimo giorno di colloqui con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con le delegazioni parlamentari. A inaugurare la giornata di incontri Sinistra Italia che ha chiesto una legge che non sia maggioritaria e poi il voto. A seguire è stata la volta di Ala-Scelta Civica che si è detta pronta ad appoggiare il governo Renzi-bis o qualunque altro esecutivo.

Dopo Verdini è stata la volta di Alfano di Ncd che si è detto “disponibile ad un governo con responsabilità comune” che veda la partecipazione “di tutte le forze volenterose che avranno il senso di appartenenza comune e che li porti a partecipare a un governo che si trovi ad affrontare alcune emergenze”.

“Qualora ci fosse un diniego da parte degli altri potenziali partecipanti – ha aggiunto il ministro degli Interni – non avremmo nulla in contrario anzi, saremmo molto di favorevoli, ad una prosecuzione di Matteo Renzi” alla guida dell’esecutivo. Il governo che nascerà a breve, ha concluso Alfano, “non è uno yogurt, non ha una data di scadenza. Deve realizzare un programma”.

 

 

 

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other