Pensioni, Dini: "Senza la riforma sarà un massacro"

Pubblicato il 25 ottobre 2011 9:28 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 9:31

ROMA – La riforma delle pensioni ''si deve fare'' perchè ''vista la nostra situazione sul mercato dei titoli, in assenza di interventi sarà un massacro''. Lo afferma il senatore del Pdl Lamberto Dini in un'intervista al Messaggero, aggiungendo che è a suo parere ''umiliante'' che debba essere la Ue a porre ''ultimatum'' all'Italia e a chiedere di fare riforme ''in due giorni''.

''Trovo umiliante – precisa l'ex presidente del Consiglio – che debba essere l'Ue a dirci: prendete questa e quell'altra misura, dalla riforma delle pensioni alla riduzione del debito attraverso la privatizzazione di beni dello Stato. Sono le cose che io personalmente ed altri, anche con specifici appunti scritti, da mesi stiamo dicendo al presidente Berlusconi: servono interventi strutturali per ridurre l'onere delle pensioni''.

A questo proposito, prosegue, il nodo è rappresentato dalle pensioni di anzianita': ''si deve affrontare la realtà e cioè il fatto che l'aspettativa di vita è salita per uomini e donne a 80 anni''. Anche la Lega, afferma Dini, deve ''rendersi conto'' dell'urgenza di questa misura: ''una cosa ragionevole e soprattutto strutturale''.