Vendola: “Nascondete la mafia”. Formigoni replica: “Miserabile, drogato, in galera!”

Pubblicato il 25 Marzo 2011 14:35 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2011 14:54

MILANO – “‘Non abbiamo avuto la fortuna di vedere sui tg nazionali la faccia di Letizia Moratti e Roberto Formigoni associati alle vicende di cronaca giudiziaria che raccontano quale sia il livello di pervasività dell’ organizzazione ‘ndranghetista” nella sanità lombarda.”  Boom: a sparare la prima bordata di un duello che si annuncia rusticano ci ha pensato Nichi Vendola. Gli avevano appena chiesto cosa pensasse dello stato della sanità in Lombardia. Il leader Sel, e occasionalmente presidente della Puglia, non contento ha rincarato la dose: ” Parliamo di un’organizzazione ‘ndranghetista che controlla le Asl e ha i propri boss che organizzano le proprie riunioni negli ospedali e – ha proseguito – che ha un circuito di appalti interno a tutte le pubbliche amministrazioni di questa regione”. Pertanto, ha concluso Vendola, ”sarebbe interessante, diciamo, affrontare questo nodo” e il fatto che ”la Lombardia è la regione più mafiosa d’Italia”..

Apriti cielo. Il governatore lombardo Formigoni replica furente e assesta due diretti: “‘Vendola è un miserabile, lo sapevamo e lo conferma. Fra l’altro ripete le stesse parole che ha detto venti giorni fa, quindi probabilmente è sotto effetto di qualche sostanza”. Miserabile e drogato non basta, Formigoni ha il dente avvelenato, e prendendo spunto dalla vicenda Tedesco, fa i suoi “auguri” all’antagonista: “Vendola risponda alla domanda che gli pongo da oltre un mese: come mai il suo ex assessore Tedesco, che non e’ stato messo in galera soltanto perche’ il Pd lo ha fatto senatore, ha detto con chiarezza che gli stessi reati commessi da lui li ha commessi Vendola? Dunque due pesi e due misure? Risponda Vendola: come mai adesso non è in galera?”

Si rileva con piacere che una signora come la Moratti non si sia immischiata nella rissa regionale. Almeno per ora.