Australia: “Aiuti all’Afghanistan per 300 mln di dollari”

Pubblicato il 17 Maggio 2012 9:12 | Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2012 9:26

SYDNEY – L'Australia, che di recente ha deciso il ritorno anticipato delle sue truppe dall'Afghanistan, contribuira' con 100 milioni di dollari l'anno per tre anni a partire dal 2015, al costo di mantenimento delle forze di sicurezza locali, che ammonta a 4 miliardi di dollari l'anno. Lo ha annunciato la premier Julia Gillard, che sabato parte per Chicago per partecipare al vertice Nato sulla strategia di transizione alle forze locali del controllo di sicurezza.

L'impegno australiano sara' formalizzato in un accordo di partnership di lungo termine che Gillard firmera' a Chicago con il presidente afghano Hamid Karzai. Sara' il settimo accordo del genere, dopo quello firmato ieri da Karzai con la Germania. Continuera' tuttavia una presenza di truppe speciali australiane oltre il 2014 e sara' mantenuto un ''sostanziale programma di assistenza allo sviluppo'', in aree come sanita' e istruzione.

L'Australia e' il paese fuori della Nato con il maggior numero di truppe in Afghanistan, circa 1550, dispiegate per lo piu' nella provincia meridionale di Uruzgan, dove si concentrano nell'addestramento e mentoring dell'esercito afghano. Il mese scorso la premier Gillard ha annunciato che le truppe cominceranno il ritiro quest'anno, prima delle elezioni generali previste nel 2013, per completarlo quasi del tutto per la fine del 2014.