Donald Trump spopola tra i cristiani evangelici in Africa: pregano perché vinca le elezioni

di Caterina Galloni
Pubblicato il 18 Ottobre 2020 7:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2020 16:23
Donald Trump spopola tra i cristiani evangelici in Africa: pregano perché vinca le elezioni

Donald Trump spopola tra i cristiani evangelici in Africa: pregano perché vinca le elezioni (Ansa)

In Africa, in particolare in Kenya e Nigeria, i cristiani evangelici sostengono il presidente Usa Donald Trump e pregano perché venga rieletto

Nonostante i commenti dispregiativi sull’Africa, Donald Trump ha un seguito di sostenitori tra alcuni cristiani evangelici del continente. Pregano affinché a novembre vinca le elezioni presidenziali.

Il pastore nigeriano Chris Oyakhilome, un eminente televangelista, a giugno durante un sermone ha detto: “Pregate per Trump perché quando Dio concede a uno dei suoi figli un determinato ruolo, a volte il demonio fa di tutto per distruggere quell’individuo”.

Oyakhilome, le cui trasmissioni sono seguite anche negli Stati Uniti, ha inoltre parlato dei detrattori del presidente USA: “Sono arrabbiati con Trump per aver sostenuto i cristiani, è bene che lo sappiate. Sono loro dunque i veri odiatori dei cristiani”.

Nigeria e Kenya

Secondo un sondaggio di Pew Research, pubblicato a gennaio, il presidente Trump è considerato una figura che in tutto il mondo attira l’attenzione, ma è popolare in paesi africani come la Nigeria e il Kenya, dove i sostenitori non sembrano essere disturbati dal fatto che nel 2018 si sia riferito ai paesi africani definendoli “topaie”.

Sia la Nigeria che il Kenya sono paesi profondamente religiosi. Le mega chiese proliferano nel sud cristiano della Nigeria – la nazione più popolosa dell’Africa – e in Kenya tale è la loro popolarità che molti politici si recano ai sermoni per rivolgersi ai loro sostenitori.

Altro che Obama

In Africa, molti gruppi cristiani evangelici, per lo più anti-aborto, contro i diritti dei gay e sostenitori Israele, non erano entusiasti del predecessore Barack Obama, nonostante le origini keniote.

Richard Chogo, pastore di Deliverance Church a Nairobi, capitale del Kenya, ha detto alla BBC:”In Africa, l’amministrazione Obama premeva per un programma liberale e per alcuni leader cristiani era motivo di preoccupazione. È stato un sollievo che durante la presidenza Trump sia stato messo in secondo piano”. (Fonte: BBC)