G20, la Merkel difende l’austerity e risponde picche all’allarme rigore di Obama

Pubblicato il 21 Giugno 2010 19:48 | Ultimo aggiornamento: 21 Giugno 2010 19:49

Angela Merkel

Venedì scorso Obama aveva lanciato l’allarme crescita contro una crisi troppo rigorosa, ma la cancelliera tedesca Angela Merkel oggi risponde picche e difende l’austerity. La Germania non è disposta a rinunciare al consolidamento di bilancio e, sottolineando che l’economia ha ripreso la strada della crescita, difende il suo piano di austerità contro le critiche che arrivano dagli Stati Uniti.

La cancelliera è stata chiara: “Non si tratta di un programma radicale di risparmio – ha detto – ma di non avere lo stesso programma congiunturale anche di fronte a una continua ripresa economica”. E comunque, ha sottolineato, gli investimenti non vengono toccati dal pacchetto di austerity.

La Merkel ha poi spiegato che la Germania cerca così di mettere sotto controllo una piccola parte del proprio indebitamento e, allo stesso tempo, di promuovere la crescita soprattutto nell’istruzione e nella ricerca: “Se non imbocchiamo il cammino di una crescita sostenibile, ma generiamo di nuovo una crescita gonfiata – ha commentato -, pagheremo alla prossima crisi”.