Indonesia: la bomba sexy Julia Perez sfida i conservatori musulmani e si presenta alle elezioni

Pubblicato il 2 agosto 2010 12:58 | Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2010 13:15

In Indonesia tutti la conoscono come “Jupe” o ancora meglio come “sex bomb”; lei in realtà si chiama Julia Perez ed è la regina sexy delle soap e della musica pop. La ragazza ha appena lanciato la sua nuova sfida ai conservatori del Paese: si presenterà alle prossime elezioni.

Grazie alla sua avvenenza, alle canzoni piccanti, ai baci lesbo, alle dichiarazioni libertine in cui parla apertamente di sesso in un paese a maggioranza musulmano è diventata il personaggio televisivo più famoso d’Indonesia.

L’ultima scommessa della trentenne ora è la politica: il prossimo dicembre sarà candidata alle elezioni locali di Pacitan, agglomerato urbano nella parte orientale di Giava e luogo natale dell’attuale presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono.

In una società sempre più divisa tra chi guarda all’Occidente con interesse e curiosità e chi continua a predicare l’islamismo radicale, la Perez, all’anagrafe Yuli Rachmawati, è un personaggio che divide. Gli “occidentalisti” la considerano l’immagine dell’Indonesia futura, un paese pronto a rompere con le norme tradizionaliste e voglioso di aprirsi al mondo. Dall’altra parte i musulmani radicali la considerano l’icona del peccato.

In effetti negli ultimi anni la trentenne ha fatto di tutto per provocare. Sul web compaiono numerose foto in cui si mostra con abiti succinti e mette in evidenza le sue prosperose forme. Il suo ultimo album s’intitola “Kamasutra” e chi lo acquista, trova all’interno un preservativo. Sono molti i suoi interventi pubblici in cui parla apertamente di sesso e invita i giovani a usare il condom durante i rapporti.

Alcuni conservatori hanno anche proposto di cambiare le regole in tema di elezioni e non permettere ai candidati con “difetti morali” di presentarsi alle consultazioni. Ma il popolo dei social network si è mostrato compatto dalla parte della Perez ed è riuscito attraverso una campagna di protesta a evitare la sua esclusione.

Ecco delle foto della bella trentenne: