Nozze Gay, Obama alla Corte Suprema: “Basta divieto in California”

Pubblicato il 1 Marzo 2013 - 01:47| Aggiornato il 17 Agosto 2022

WASHINGTON –  La Corte Suprema americana revochi il bando dei matrimoni gay in California, perché “viola i diritti previsti dal quattordcesimo emendamento”: l‘appello arriva da Washington, direttamente dall’amministrazione Obama. 

Alla Corte Suprema l’amministrazione chiede di dichiarare incostituzionale la Proposition 8, ovvero il bando dei matrimoni gay in California. Ma non dichiara esplicitamente l’appoggio del diritto costituzionale a livello federale dei matrimoni fra lo stesso sesso.

”La Proposition 8 viola le tutela di uguaglianza. Il pregiudizio non può essere alla base per un trattamento differenziato nell’ambito della legge”, sostiene il Dipartimento di Giustizia.