Pedaggio sul Grande raccordo anulare, il Codacons: “Faremo ricorso al Tar”

Pubblicato il 18 Novembre 2010 17:44 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2010 17:44

Il Codacons minaccia di ricorrere al Tar del Lazio nel caso in cui si dovesse davvero introdurre un pedaggio sul Grande Raccordo anulare di Roma.  ”Se davvero -scrive l’associazione dei consumatori in una nota – come anticipato oggi dal presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, verra’ imposto il pagamento di un pedaggio sul Gra a carico di chi utilizzerà l’arteria per uscire dalla capitale e prendere le autostrade, sarà inevitabile un ricorso al Tar del Lazio, finalizzato a bloccare il provvedimento”.

Per il Codaconsi ”si tratta infatti di un provvedimento iniquo e che crea disparità tra gli automobilisti relativamente alla fruizione del medesimo servizio – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il pagamento del Gra, inoltre, comporta difficoltà tecniche enormi, considerando che non verrà accettato alcun pedaggio a carico dei pendolari che ogni giorno entrano ed escono da Roma per recarsi a lavoro, e che non si può distinguere tra chi utilizza il Gra per motivi lavorativi e chi per viaggiare”.