Alitalia riparte. Squadra internazionale per volare ancora

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 febbraio 2015 6:50 | Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2015 19:08
Alitalia riparte. Squadra internazionale per volare ancora

Alitalia riparte. Squadra internazionale per volare ancora (foto LaPresse)

ROMA – Alitalia riparte puntando sui curriculum internazionali. Così, dopo l’accordo con Etihad la compagnia si è data un management nuovo con un compito preciso e ambizioso: far tornare competitiva la compagnia. Secondo l’amministratore delegato Silvano Cassano “la squadra c’è ed è ottima”. Che squadra sia lo spiega sul sito Formiche Michela della Maggesa.

Il primo requisito sembra quello di un curriculum internazionale, possibilmente con esperienze anche negli Emirati.

Scrive Maggesa:

5 x 1000

Matteo Mancinelli, nuovo responsabile degli affari legali e societari della compagnia era partner dello studio legale DLA Piper, coinvolto sul dossier Alitalia-Etihad, mentre il nuovo responsabile delle relazioni con le istituzioni nazionali ed internazionali, Paolo Dionisi, ha una carriera diplomatica di oltre 20 anni durante la quale ha ricoperto l’incarico di ambasciatore d’Italia ad Abu Dhabi e a Muscat.

Sono tanti i manager venuti dall’estero:

Conosce bene Hogan, numero uno di Etihad, anche Clemente Senni, nuovo vice president corporate affairs, nonché responsabile delle relazioni con i media e delle politiche di CSR. Senni ha svolto la sua carriera principalmente nell’area della consulenza direzionale di comunicazione, anche per Etihad, dopo essere stato direttore delle relazioni esterne di Alitalia Cai dal 2009 al 2012.

La squadra ha una forte vocazione internazionale. Ancora Formiche:

John Shepley è entrato a far parte del management team Alitalia come chief planning and strategy officer (…) Passa in Alitalia con le stesse funzioni che aveva negli Emirati l’irlandese Aubrey Tiedt, chief customer officer, mentre Duncan Naysmith, scozzese, capo finanza era il numero due nella direzione finanza della compagnia capitanata da Hogan.

Qualche italiano in ogni caso c’è. Come Giancarlo Schisano, chief operating officer, Antonio Cuccuini, capo del personale e Ariodante Valeri, capo del settore commerciale.