Massimo Gramellini: condomini, la casa della crudeltà idiota

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2015 11:54 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2015 11:54
Massimo Gramellini: condomini, la casa della crudeltà idiota

Massimo Gramellini: condomini, la casa della crudeltà idiota

TORINO – Massimo Gramellini su La Stampa nel suo Buongiorno racconta la vicenda di un condominio di Torino: in questo palazzo è stato vietato a Stefano Martoccia, un inquilino disabile di installare un ascensore (a proprie spese). Secondo l’assemblea dei condomini (e anche l’amministratore) in realtà l’obiettivo di Martoccia era quello di far aumentare il valore della propria casa per poi rivenderla a un prezzo più alto. Ecco l’articolo integrale di Gramellini, pubblicato in prima pagina sul quotidiano piemontese e anche sul sito:

A ottobre ricevetti una mail da Stefano Martoccia, ingegnere torinese di trentatré anni colpito da un tumore alle ossa che gli era costato l’amputazione della gamba destra. Stefano abitava all’ultimo piano di una casa senza ascensore e aveva informato i coinquilini dell’intenzione di installarne uno a sue spese. L’assemblea di condominio – luogo tra i più ottusi ed efferati dell’umanità, al cui confronto il Parlamento è un covo di idealisti – aveva negato l’assenso. La legge consentiva a Stefano di procedere. Ma il dominus dell’assemblea, titolare della maggioranza dei millesimi, aveva opposto ostacoli ed eccezioni, arrivando a insinuare che il giovane volesse costruire l’ascensore con gli incentivi concessi ai disabili per aumentare il valore del suo appartamento e poi rivenderlo. Aveva preteso che Stefano sottoscrivesse un documento in cui si impegnava a rimuovere l’impianto, in caso di cessione della casa, e a utilizzarlo in esclusiva, negando le chiavi dell’ascensore a parenti e infermieri. Stefano si era rifiutato di firmare e mi aveva manifestato il suo dolore stupefatto per le soglie di cattiveria a cui può giungere un essere umano. I suoi condomini, scriveva, erano frequentatori assidui della parrocchia. Devoti al prossimo, purché non abitasse a casa loro.

Girai la mail alla collega Maria Teresa Martinengo, che scrisse un articolo sul giornale nella speranza che qualcuno si vergognasse. Ma nessuno si vergognò. Per non perdere energie che gli servivano altrove, Stefano accantonò il progetto dell’ascensore e si trasferì nell’appartamento del cugino al pianterreno, dove una morte più misericordiosa degli uomini è venuto a prenderlo ieri mattina.