Scandalo Roma, quando la Rai incensava la Coop di Salvatore Buzzi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Dicembre 2014 9:03 | Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2014 9:03
Scandalo Roma, quando la Rai incensava la Coop di Salvatore Buzzi

Salvatore Buzzi

ROMA – Nel marzo scorso la Rai ha dedicato una puntata di Uno Mattina alla cooperativa 29 giugno. Racconta Fabio Franchini su Il Giornale:

Chi al momento imbarazza di più il Pd di Matteo Renzi è Salvatore Buzzi, uomo perno delle indagini in quanto ponte tra la cupola e il sistema della cooperative romane, di cui era re. Buzzi, fotografato più volte insieme a Ignazio Mario, Simona Bonafé e Giuliano Poletti, era presenta il 7 novembre alla cena capitolina di fundraising del partito di governo.

La favola elogiata dal canale dell’emittente pubblica è la Cooperativa 29 giugno, nata nel 1985 con l’obiettivo di reinserire nel mondo del lavoro gli ex detenuti. Il servizio introduttivo è un inno alla solidarietà e all’integrazione, in un quadro – purtroppo solo apparentemente – idilliaco e disinteressato. A far da menestrello, in studio, c’è proprio il presidente Buzzi, insieme a Mario Alfonsi e Richard Clement, ex carcerati rinati grazie all’associazione.

Salvatore Buzzi sciorina i dati della sua missione: “In tutti questi anni abbiano reinserito nel mondo del lavoro oltre 300 detenuti con tassi di recidività bassissimi. Noi difficilmente falliamo, perché operiamo soltanto con persone che hanno commesso grossi reati e sono state a lungo separate dalla società: solo con loro riesci a fare un percorso di vera integrazione”.