Yossi Klein-HaLevi a La Stampa: “Usa più deboli, nasce l’asse ebrei-sunniti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Novembre 2013 10:24 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2013 10:25
stampa

L’intervista de La Stampa

ROMA – “L’accordo di Ginevra sul nucleare iraniano apre la strada a sconvolgimenti epocali in Medio Oriente”: parola di Yossi Klein-HaLevi, lo stratega americano in forza allo Shalom Hartman Institute di Gerusalemme, a New York per una serie di seminari.

Ecco l’intervista de La Stampa a cura di Maurizio Molinari:

Quali saranno gli effetti immediati dell’intesa raggiunta?

«L’assedio internazionale a Teheran si allenta mentre l’Iran può continuare ad arricchire l’uranio fino al 5 per cento che, in poche settimane, può essere portato al 20 per cento necessario per l’atomica. L’Iran ha vinto ed è la potenza nascente in Medio Oriente, una regione dove la percezione vale assai più dei fatti concreti. E la percezione oggi è che l’Iran ha piegato le maggiori potenze, facendo accettare il suo programma nucleare».

Come reagirà l’Arabia Saudita, rivale strategico dell’Iran?

«Aumenterà l’impegno militare a sostegno dei ribelli anti-Iran e anti-Assad in Libano e Siria portando ad un inasprimento delle ostilità. Per Riad il cedimento di Obama sul nucleare iraniano è il seguito naturale del mancato intervento in Siria: l’America si riposiziona a favore degli sciiti contro i sunniti. Per questo Riad aprirà i cieli al blitz di Israele contro l’Iran».

Cosa avverrà nel Golfo?

«Le minoranze sciite sostenute da Teheran si sentiranno più forti e ciò spingerà anche altri Paesi sunniti all’intesa con Israele».

Quali le implicazioni della convergenza Israele-sunniti?

«È una scossa epocale agli equilibri regionali. Diventa possibile arrivare, in breve tempo, alla composizione del conflitto israelo-palestinese. Ma ciò che più conta sono gli aspetti militari: l’apertura dello spazio del Golfo a Israele».

Ma dopo l’intesa a Ginevra, Israele può ancora attaccare?

«Israele da solo non può più attaccare. Se lo facesse diventerebbe il paria del mondo. Prenderebbe il posto finora avuto dall’Iran. Senza contare che dopo il blitz contro l’Iran Israele sarebbe colpita da migliaia di missili di Iran ed Hezbollah. Fronteggiarli senza la cooperazione Usa sarebbe un incubo» (…)

Dunque, gli Usa sono senza eredi?

«A contendersi l’eredità dell’egemonia americana sono le potenze locali: Iran, Israele, Arabia Saudita, Turchia. E ciò apre la strada ad una nuova, imprevedibile, stagione di sconvolgimenti».