Caffè, 3 tazzine al giorno puliscono le arterie e proteggono il cuore

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 aprile 2018 7:29 | Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2018 20:44
Caffè, 3 tazzine al giorno puliscono le arterie e proteggono il cuore

Caffè, 3 tazzine al giorno puliscono le arterie e proteggono il cuore

SAN PAOLO – Bere tre tazzine di caffè al giorno, aiuta a mantenere le arterie pulite: è quanto indicano gli scienziati dell’Università di San Paolo in Brasile, guidati da Andreia Miranda, dopo aver scoperto che “il consumo abituale di tre tazzine al giorno riduce il rischio di calcificazione coronarica”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Gli scienziati non sono ancora certi quale sia la componente benefica, se la caffeina o alcuni degli antiossidanti presenti nella bevanda, scrive il Daily Mail. Per il loro studio, pubblicato sul Journal of American Heart Association, il team ha esaminato le abitudini alimentari e i dati sulla quantità di calcio nelle arterie di oltre 4.400 persone.

Quasi tutti bevevano caffè: circa il 56% almeno due volte al giorno, mentre il 12% tre volte. Inoltre il 10% presentava livelli di deposito di calcio nelle arterie e i ricercatori hanno scoperto che ciò aveva una correlazione inversa con il consumo del caffè. Chi beveva almeno tre caffè al giorno aveva i punteggi migliori, ossia le arterie più pulite.

Ovviamente, è consigliabile non superare la dose raccomandata poiché potrebbe avere effetti negativi sulla salute. “Il caffè è una complessa miscela di minerali e vari componenti”, osserva Miranda.

Sembra, inoltre, che il decaffeinato abbia lo stesso impatto della versione standard, il che fa pensare che responsabile dei benefici per la salute, non sia la caffeina. Secondo un gruppo di ricerca, che comprendeva esperti della University of Edinburgh “il caffè tostato è una miscela complessa di oltre 1.000 composti bioattivi, alcuni con effetti antiossidanti, antinfiammatori, antifibrotici o antitumorali potenzialmente terapeutici”.

Hanno scoperto che aveva un forte impatto sui problemi cardiaci, riducendo il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari del 15% e del 19% la possibilità di morte cardiovascolare. Inoltre, riduce del 34% il rischio di cancro al fegato e del 17% di cancro all’intestino, ma in realtà sembra aumentare il rischio di leucemia, linfoma e cancro ai polmoni.

I bevitori di caffè hanno una probabilità inferiore, del 36%, di sviluppare il Parkinson e un rischio inferiore del 27% per quanto riguarda l’Alzheimer.