Cancro, Medbunker svela i falsi antitumori: bicarbonato, veleno di scorpione…

Pubblicato il 19 Novembre 2012 10:19 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2012 11:26
Sempre più malati di tumore si rivolgono a cure alternative non provate scientificamente, e spesso letali. Come quella a base di bicarbonato

ROMA – Luca Olivotto a 27 anni si è ritrovato con un tumore al cervello “inguaribile”. Al culmine della disperazione (nel vero senso della parola, mancanza di speranza) i suoi genitori l’hanno portato a Tirana, in Albania, per farlo curare dall’oncologo (radiato) italiano Tullio Simoncini. Una cura a base di bicarbonato. Una cura pagata dai genitori di Luca ventimila euro. E che ha portato alla morte del giovane nel giro di pochi giorni, tra dolori atroci, hanno raccontato i genitori ai quotidiani italiani.

Il caso di Luca Olivotto è, purtroppo, solo uno dei tanti casi di malati di tumore a stadio avanzato che si affidano a “cure alternative”, ma che in confronto alle medicine alternative come omeopatia e ayurvedica appaiono più esperimenti strani che cure. Anche perché l’omeopata è comunque un medico.

A portare fuori dall’anonimato i casi di “mala-non sanità” è Medbunker, blog del medico Salvo Di Grazia, che da anni elenca e smonta, con documenti e testimonianze, molte delle teorie alternative alla cura del cancro.

“Ho iniziato nel 2008, ha spiegato Di Grazia a Repubblica, incuriosito dal video di una donna australiana che affermava di essere guarita da un tumore con la cura del bicarbonato di Tullio Simoncini. In realtà, lavorando sul fermo immagine e ingrandendo i referti, si leggeva chiaramente che la donna era stata operata: per questo il tumore non c’era più, e non certo per i presunti effetti benefici del bicarbonato”.

Da quel 2008 sono state migliaia le segnalazioni arrivate al sito, con tanto di cartelle cliniche, di persone ingannate da questi finti guaritori.

Su Medbunker c’è un dossier anche su Vitadox, nome con cui è chiamato un “farmaco” ricavato dal veleno dello scorpione azzurro cubano. Gli italiani che l’hanno provato, andando a comprarlo a Cuba, San Marino o Tirana, sarebbero oltre ventimila. Anche se nessuno studio ne ha dimostrato l’efficacia nella cura del cancro.

Stesso discorso per la “cura” inventata dal  medico tedesco Ryke Geerd Hamer, pluricondananto per omicidio e abuso della professione medica, fondatore della Nuova medicina germanica apertamente antisemita. Secondo Hamer le cure sul cancro sono un imbroglio: secondo lui si può guarire solo superando il trauma che ha provocato il tumore. La teoria di Hamer è seguita da centinaia di malati di tumore, tra i quali, però, i tassi di mortalità sono altissimi.

Repubblica riporta la testimonianza della madre di una malata di tumore che si era rivolta al dottor Hamer: “Ho visto mia figlia morire tra dolori terribili, circondata da medici che le promettevano ancora la guarigione”.