Cocaina: annulla emozioni negative. Una dose -10% infelicità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2015 12:09 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2015 12:09
Cocaina: annulla emozioni negative. Una dose -10% infelicità

Cocaina: annulla emozioni negative. Una dose -10% infelicità

ROMA – Basta anche solo una singola dose di cocaina per interferire con la capacità di riconoscere le emozioni, in particolare quelle negative. Una volta raggiunta l’intossicazione da cocaina la capacità di riconoscere tristezza e rabbia si riduce del 10%. Lo assicura un nuovo studio presentato al congresso dell’European College of Neuropsychopharmacology in corso ad Amsterdam.

Ricercatori provenienti dai Paesi Bassi e Germania hanno studiato 24 studenti di età compresa fra 19 e 27 anni, che facevano un uso da leggero o moderato di cocaina, e hanno dato loro 300 mg di polvere bianca per via orale, o un placebo.

Dopo 1-2 ore ogni partecipante è stato poi oggetto di una serie di test biochimici, come quello di riconoscimento delle emozioni facciali, per misurare la risposta a una serie di sensazioni di base, come la paura, la rabbia, il disgusto, la tristezza e la felicità. Gli scienziati hanno scoperto che, a confronto con il placebo, una singola dose di cocaina ha provocato un aumento della frequenza cardiaca e dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.

Inoltre, i soggetti esposti alla droga hanno trovato maggiori difficoltà a riconoscere le emozioni negative. Secondo Kim Kuypers dell’Università di Maastricht: “Questo è il primo studio che esamina l’effetto a breve termine della cocaina sulle emozioni. E mostra che una singola dose interferisce con la capacità di una persona di riconoscere emozioni come rabbia e tristezza. Questo potrebbe ostacolare la capacità di interagire in situazioni sociali, ma può anche aiutare a spiegare perché chi usa questa droga riporta di essere più socievole quando ‘inebriato’ dalla sostanza: semplicemente perché non è in grado di riconoscere le emozioni negative”.

A questo proposito lo studio apre prospettive interessanti sugli effetti della mancanza di cocaina nei soggetti che ne fanno uso. Michael Bloomfield, esperto dell’University College di Londra non coinvolto nello studio pone la questione: “La cocaina mette a soqquadro questo processo in modo tale che quando gli utilizzatori non la assumono percepiscono maggiori emozioni negative da parte delle altre persone?”.