Crestor, Nexium… Scarseggiano 300 farmaci: venderli all’estero rende di più

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Maggio 2015 9:45 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2015 10:48
Crestor, Clexane...I 300 farmaci introvabili: "Venderli all'estero rende di più"

Crestor, Clexane…I 300 farmaci introvabili: “Venderli all’estero rende di più”

ROMA – Crestor, Nexium… Scarseggiano 300 farmaci: venderli all’estero rende di più. Esiste purtroppo una lunga lista di farmaci, utili e molto prescritti, che sono praticamente irreperibili nelle farmacie italiane. Non perché non siano prodotti a sufficienza, non perché vadano a ruba fino a esaurimento scorte: in realtà, finiscono nei mercati esteri, specie quelli del nord Europa perché lì possono approfittare di prezzi più alti anche del 20/30%. Di quali farmaci parliamo? Sono almeno 300, Michele Bocci su Repubblica fornisce qualche esempio dei più noti sul mercato.

  1. Clexor, per abbassare il colesterolo;
  2. Mirapexin, contro il Parkinson;
  3. Clexane, anticoaugulante;
  4. Vimpate, contro l’epilessia;
  5. Lyrica, contro i dolori neuropatici;
  6. Nexium, gastroprotettore;
  7. Zitromax, antibiotico;
  8. Micardisi, contro l’ipertensione.

 

Ogni Stato contratta un prezzo diverso con sul farmaco con l’industria ma non c’è nessuna legge che faccia divieto al distributore di esportarlo all’estero (si dice “parallel trade”). I produttori accusano i distributori, i farmacisti l’industria, i distributori i farmacisti e viceversa: in questo scarica-barile si distinguono però gli pseudo-grossisti, farmacie cui le Regioni hanno concesso la licenza di distribuire.