Filler fai da te, cresce uso tra giovani. Venduti online, l’allarme del SIME: “Rischio danni permanenti”

Articoli online e post su Facebook fanno apparire questa una pratica semplice e alla portata di tutti, ma la realtà è diversa.

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Maggio 2022 - 14:28
Filler online

Filler fai da te, cresce uso tra giovani. Venduti online, l’allarme del SIME: “Rischio danni permanenti” (foto ANSA)

Cresce il numero di donne, soprattutto giovani, che ricorre ai filler fai da te, ma con conseguenze spesso sottovalutate. A far luce su una moda pericolosa è Emanuele Bartoletti, presidente della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME), in occasione del 43/o congresso in corso a Roma.

Filler fai da te, l’allarme del SIME

Articoli online e post su Facebook fanno apparire questa una pratica semplice e alla portata di tutti, ma la realtà è diversa: “Ormai da tempo – osserva Bartoletti – notiamo un costante incremento di pazienti che vengono da noi per cercare di riparare al danno. I rischi, per chi acquista online i kit fai da te, sono molteplici. Con i microaghi si può, per errore, iniettare il liquido nei vasi sanguigni, si possono toccare terminazioni nervose. E correre ai ripari non è sempre facile o possibile, i problemi che possono verificarsi sono, ad esempio, necrosi, infezioni allergie, ematomi, danni estetici”.

No quindi al fai da te. “I medici estetici – dice ancora Bartoletti – non si limitano, peraltro, a fare filler e botulino, ma utilizzano tutte le terapie che sono proprie di questa branca specialistica. L’indicazione deve essere programmata solo dopo un check up che consente di ottenere risultati buoni, limitando al minimo le complicanze”.

Le novità nella medicina estetica

Tante le novità sul fronte della medicina estetica. Dal punto di vista farmacologico una è la tossina botulinica liquida, una formulazione diversa, già diluita e pronta all’uso, che non va ricostituita come le precedenti, evitando così errori di dosaggio. Una tendenza che si va consolidando è poi quella di utilizzare, diversamente da quanto fatto in passato, una minor quantità di prodotto, sia che si tratti di filler o altro. “I vantaggi – conclude Bartoletti – sono quelli di ottenere un buon risultato senza trasformare la paziente, rendendo la procedura più economica e meno invasiva. In linea col principio che la medicina estetica deve sempre tendere ad un risultato ‘naturale’, poco visibile”.