Poliomielite sta tornando, è a un’ora dall’Italia…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2014 9:52 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2014 9:52
Poliomielite sta tornando, è a un'ora dall'Italia...

(Foto LaPresse)

ROMA – Il virus della poliomielite arriva dalla Siria e torna a far paura. Le guerre e la mancata prevenzione, soprattutto nei Paesi africani, hanno dato il via all’epidemia, tanto che l’Oms, Organizzazione mondiale della Sanità, ha dichiarato lo “stato di allerta per la salute pubblica“. I Paesi al momento coinvolti sono Afghanistan, Camerun, Guinea Equatoriale, Etiopia, Israele, Nigeria, Pakistan, Somalia e Siria, ma il virus continua a diffondersi, diventano un pericolo mondiale.

Valentina Arcovio su La Stampa spiega:

“A preoccupare gli esperti è il fatto che nei primi mesi del 2014, periodo in cui di solito la trasmissione è bassa, tre Paesi – Pakistan, Camerun e Siria – hanno «esportato» diversi casi. La maggiore preoccupazione è che proprio le persone in fuga da queste nazioni, dilaniate da conflitti interni e in cui il tasso di vaccinazione è molto basso, possano reintrodurre il virus in aree considerate «polio-free». Dall’inizio dell’anno sono state infettate 117 le persone in 10 Paesi, con la maggioranza dei casi proprio in Pakistan. Nel 2013 i casi totali erano stati 417, di cui il 60% esportati”.

Il preoccupante aumento dei casi ha portato l’Oms ad emanare delle raccomandazioni per i 3 Stati “esportatori”, tra cui tutti i viaggiatori in uscita dal paese devono essere vaccinati ed esibire un certificato che ne attesti l’immunizzazione, spiega poi Bruce Aylward, responsabile per la polio dell’Oms:

“Le raccomandazioni sono per evitare che la malattia lasci i Paesi dove è presente, mentre per tutti gli altri valgono le indicazioni generali per chi viaggia in luoghi dove è presente il virus. Il rischio è che la malattia ritorni ad essere endemica nei Paesi che l’hanno eliminata, anche se al momento parliamo di numeri bassi”.