Il trans Natalì: “Resto in Italia per difendere Marrazzo”

Pubblicato il 14 Ottobre 2010 - 19:51 OLTRE 6 MESI FA

Il trans Natalì

Natalì, il trans del caso Marrazzo difende l’amico Piero e per lui resterà in Italia: ”Non voglio stare tanto tempo in Italia. Starò qui fino a quando finisce il caso Marrazzo per difendere lui, perché la verità è la verità, lui non c’entra niente, lui è stato solo vittima dei carabinieri e della cattiveria dei transessuali”.

Ad un anno dalla vicenda e del video ricatto all’ex governatore del Lazio proprio questa mattina in via Gradoli la polizia municipale ha eseguito numerosi sfratti di cantine adibite a mini-appartamenti. ”Può darsi -aggiunge Natali’- che entro in una societa’ di parrucchiere con un’amica. Lascio la strada e traslocherò da via Gradoli”.