Sarah Scazzi morì asfissiata in 2-3 minuti. Il medico legale: “Fu strangolata da una cintura”

Pubblicato il 11 Novembre 2010 15:31 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2010 15:40

Sarah Scazzi morì in due-tre minuti per asfissia: la causa del decesso è stata lo strangolamento subito con una cintura larga 2,5 centimetri circa. Sono queste le indicazioni emerse nella relazione preliminare della perizia che il medico legale incaricato dalla Procura Luigi Strada ha consegnato oggi al tribunale del riesame sul delitto di Avetrana.

Nella relazione preliminare del medico legale mancano ancora i risultati degli esami su un graffio rilevato su un avambraccio di Michele Misseri il 7 ottobre scorso, quando l’indagato venne esaminato dal professor Strada prima che venisse eseguita l’autopsia sul corpo di Sarah.

Alla documentazione finale verranno aggiunte altre foto, mentre non è stato possibile accertare il vilipendio del cadavere, del quale si è accusato Michele Misseri. Già nelle scorse settimane il medico legale aveva riferito che la permanenza in acqua per 42 giorni del cadavere impediva questo tipo di accertamento.