Sondaggio Demopolis: Pd primo partito, centrosinistra avanti dello 0,2%, M5S 19%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 settembre 2013 19:24 | Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2013 19:24

ROMA – Fra la coalizione di centrosinistra e la coalizione di centrodestra c’è uno scarto dello zero virgola, per l’esattezza dello 0,2 per cento: se il sondaggio dell’Istituto Demopolis si traducesse in voti reali, si parla di un distacco di 60 mila voti fra Pd e alleati (in testa col 35,2%) e Pdl-Forza Italia e alleati (35%).

Leggi anche -> Sondaggio Ispo: Pd primo partito, ma tallonato dal Pdl

Con una affluenza intorno al 66%, il sondaggio vede in testa un partito: quello degli italiani che non andrebbero a votare, 16 milioni. Mentre circa 10 milioni e mezzo voterebbero per centrosinistra o centrodestra.

Quanto al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, siamo intorno al 19% del campione interpellato, con il polo centrista di Scelta Civica e Udc fermo al 7%,

Stando ai singoli partiti, il Pd con il 27,5% superebbe oggi di mezzo punto percentuale il Pdl-Forza Italia (27%), la cui forza elettorale appare molto legata ai destini di Silvio Berlusconi.

Al 5% c’è Sel di Nichi Vendola, al 3,9% la Lega. I dati di Demopolis confermano la crisi di consensi per Scelta Civica (3,7%%), mentre qualche segno positivo lo registra l’Udc che risale al 2,8%; sotto il 2% le altre liste.

“Si tratta di dati – afferma il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – destinati a modificarsi profondamente in uno scenario politico che dovrà presto misurarsi con almeno tre grandi incognite: la legge elettorale con cui ci si recherebbe effettivamente al voto; l’ipotesi di un Centro Destra, per la prima volta da vent’anni, senza Berlusconi candidato Premier; il sindaco di Firenze Matteo Renzi alla guida del PD e della coalizione di Centro Sinistra”.

Nota informativa
L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis nel mese di settembre 2013 su un campione di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, titolo di studi ed area geografica di residenza. Direzione del Barometro Politico a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti e metodologia su www.demopolis.it