Bergamo: la squadra del figlio perde, il padre aggredisce e picchia l’arbitro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2014 17:56 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2014 17:56
Bergamo: la squadra del figlio perde, il padre aggredisce e picchia l'arbitro

Bergamo: la squadra del figlio perde, il padre aggredisce e picchia l’arbitro

BERGAMO – La squadra di suo figlio (13 anni) stava perdendo il derby per 1-0. Allora ha individuato quello che per lui era il colpevole, l’arbitro. L’ha seguito fin dentro lo spogliatoio e l’ha pestato a sangue. 

Succede tutto, il 15 febbraio, a Caravaggio in provincia di Bergamo. In campo, quel giorno, ci sono la squadra locale e la Trevigliese. E’ un derby, è vero. Ma in campo ci sono dei ragazzi di 13 anni. Sta di fatto che tra il secondo e il terzo tempo (in categoria esordienti i  tempi sono tre) l’arbitro, che altro non è che un dirigente del Caravaggio, va tranquillo negli spogliatoi.

Là viene aggredito e malmenato dal padre di uno dei giocatori. Episodio purtroppo non nuovo. Quello che cambia, in meglio, è il finale: racconta Mara Mologni su Repubblica che a rimproverare l’uomo, e a spiegare a tutti perché bisognava sospendere la partita, sarebbe stato proprio il figlio dell’aggressore. Qualche speranza, forse, rimane.