Cairo esalta il Torino: "Ha gioco ed identità"

Pubblicato il 10 Ottobre 2011 10:07 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2011 10:10

ROMA, 10 OTT – Un Torino che finalmente ha ''identita' e gioco''. Il presidente del club granata, Urbano Cairo ha ritrovato entusiasmo e si gode ora il primato della sua squadra in serie B.

''Vedo passi avanti, ma bisogna tenere i piedi per terra – ha detto Cairo a Radio anch'io sport -. Quando si retrocede c'e' un momento di grave rottura: il primo anno si e' pagato l'ambiente negativo e il malumore. I giocatori retrocessi erano in una condizione di austostima molto bassa, e puo' succedere che si inceppino meccanismi di ritorno veloci.

Ora i giocatori stanno dando grandissima disponibilita' al tecnico, cercano di imporre il gioco, e abbiamo rinforzato la struttura societaria. Il livello del campionato di B e' piu' alto che in passato, ci sono squadre che sanno giocare a calcio, che hanno giovani ma di qualita'. E' un campionato molto brillante e accattivante. Noi abbiamo una rosa ampia, c'e' turn over, ma non ci si accorge dei cambiamenti perche' sono calati in un impianto di gioco che tutti condividono e hanno recepito''.

Il merito va anche al tecnico: ''Ventura ha grande esperienza ed era felice di essere arrivato a Torino: e poi ha voluto una squadra giusta. Io sono in una fase molto positiva e sono contento, non ho mai perso la voglia di Toro e di stare vicino alla squadra. Il Torino mi e' costato dieci milioni l'anno ed e' stato pesante, ma speriamo si riesca a lavorare per una situazione virtuosa in cui si coniughi bel calcio con pareggi di bilancio''.