Calcio: domenica contro il Lecce scenderà in campo un Napoli “menomato”

Pubblicato il 17 Dicembre 2010 21:25 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2010 21:27

Lavezzi

“Emozioni Napoli”. Potrebbe essere questo il titolo del prossimo film del presidente azzurro, Aurelio De Laurentiis e che sicuramente farebbe fare salti di gioia ai tantissimi tifosi azzurri. Ovviamente la pellicola dovrebbe essere incentrata sul cammino della compagine partenopea.

Gli azzurri, pur avendo un solo risultato su tre a disposizione e sovvertendo il raking, mercoledì sera hanno conquistato il passaggio del turno in Europa League al 95esimo grazie ad una rete di Edinson Cavani. E c’è da dire che la squadra era orfana di Lavezzi alle prese con una distorsione alla caviglia destra e che ieri è tornato in Argentina.

Insomma, contro la Steaua Bucarest una prova di forza e di carattere così come prova di forza e di carattere è stata lo scorso sabato a Genoa dove si è vinto sfatando l’ultimo tabù dell’era De Laurentiis. Trenta punti in classifica, la seconda posizione in condominio con Lazio ed Juventus di certo non vanno sottovaluatate, anzi. E domenica in casa c’è il Lecce. Mazzarri dovrà fare i conti con le tante squalifiche: Campagnaro, Cannavaro, Aronica e Pazienza e con l’assenza di Pocho. Ma, in questo momento, per questa squadra nulla sembra impossibile, tutto si può fare.

Ed allora anche la doppia sfida contro il Villarreal per i sedicesimi di finale di Europa League in programma il 17 febbraio l’andata al San Paolo ed il 24 dello stesso mese in Spagna assume un fascino tutto particolare. Oggi la compagine partenopea è stata la prima squadra in assoluto ad essere estratta dall’urna di Nyon. Il Villarreal e’ al terzo posto in classifica nella Liga ed ha vinto il Girone D di Europa League con 12 punti frutto di 4 vittorie e 2 sconfitte. ”E’ una sfida complessa, ma noi amiamo confrontarci con questo tipo di imprese che ci trasmettono ancor piu’ entusiasmo e stimoli – ha detto De Laurentiis commentando il sorteggio – Del resto è normale che se si vuole andare avanti bisogna affrontare squadre sempre più forti”.

”Al Villarreal – ha proseguito il presidente azzurro – do appuntamento per il 17 febbraio al San Paolo in una partita all’insegna del miglior calcio mondiale: quello italiano e quello spagnolo”. Intanto la squadra nel centro allenamento tecnico tattico, lavoro atletico col pallone e chiusura con partitella a campo ridotto.