Calcio-Sla: +6,5 rispetto alla media

Pubblicato il 21 Novembre 2009 - 10:03 OLTRE 6 MESI FA

maldini slaNel calcio l’incidenza della Sla è sei volte e mezza superiore rispetto alla media.

Lo rivela uno studio dell’università di Torino.

La ricerca, condotta dal professor Adriano Chiò, ha preso in considerazione 7.000 calciatori professionisti che hanno giocato in Italia dal 1970 al 2000.

Su questi si sono registrati 8 casi di sclerosi laterale amiotrofica, percentuale nettamente maggiore rispetto a quella della popolazione normale (2,5 nuovi casi all’anno su 100.000 abitanti).

Ecco cos’è la Sla:

La sclerosi laterale amiotrofica, chiamata SLA, o anche morbo di Lou Gehrig, (dal nome del giocatore statunitense di baseball che fu la prima vittima accertata di questa patologia), malattia di Charcot o malattia dei motoneuroni, è una malattia degenerativa e progressiva del sistema nervoso che colpisce selettivamente i cosiddetti neuroni di moto (motoneuroni),

sia centrali – 1° motoneurone a livello della corteccia cerebrale, sia periferici – 2° motoneurone, a livello del tronco encefalico e del midollo spinale.

Fu descritta per la prima volta nel 1860 dal neurologo francese Jean-Martin Charcot, ed attualmente le sue cause sono ancora ignote.