Calciomercato Inter, Podolski ci siamo. Lavezzi, Balotelli, Salah come obiettivi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Dicembre 2014 10:19 | Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2014 10:19
Calciomercato Inter, Podolski ci siamo. Lavezzi, Balotelli, Salah come obiettivi

Podolski nella foto Ansa

MILANO – Il calciomercato dell’Inter entra nel vivo: Arsenal quasi convinto per Podolski. Per giugno c’è Lavezzi. E su Mario Balotelli i tifosi si dividono tra favorevoli all’operazione e contrari. Ne parla in maniera approfondita La Gazzetta dello Sport in un articolo a firma di Matteo Dalla Vite che riportiamo di seguito per la nostra rassegna stampa online quotidiana.

“Un affare lontano eppure vicinissimo. Sia perché la dirigenza dell’Inter incontrerà il Psg a Marrakech e sia perché per Ezequiel Lavezzi sono stati fatti passi in avanti (in gran segreto) molto concreti.

Nei vari tentativi (murati) per averlo subito, l’Inter ha scoperto che Lavezzi potrà sì averlo, ma fra 6 mesi. Attendere, prego. Meglio così che nada, pensano. Intanto, il primo incontro ci sarà – a meno di ritardi aerei – in Marocco per il match del 30 Inter-Psg: Mancio e Pocho si stringeranno la mano, parlando di futuro.
Naturalmente da qui a sei mesi potrebbero esserci ostacoli (la Premier per esempio), ma resta il fatto che l’Inter ha recentemente ricevuto segnali importanti per l’argentino. Il tutto fra un Podolski, un Salah e un Diarra da incasellare nel mercato attuale.

Non è una novità che Lavezzi abbia da sempre espresso il desiderio di tornare in Italia. Dopo l’addio al Napoli, il campione argentino aveva dichiarato: «C’era stata un’offerta da parte dell’Inter ma non avrei mai fatto un torto ai tifosi napoletani giocando in una squadra concorrente».

Scelse Parigi: era il 2012, il Napoli incassava 30 milioni ma quel «tarlo» nerazzurro ha sempre pulsato nella testa del Pocho, con allegata l’idea di tornare in Italia. Ecco: nel giugno prossimo una grande cessione di un interista attuale (come ribadito da Mancini anche a Sky) potrebbe aprire all’acquisto sul quale Ausilio lavora da 2 anni.

La storia è nota: Mancini aveva messo Lavezzi in cima alla lista di gennaio – assieme a Cerci – per poter sgommare verso il terzo posto. Sondaggi, abboccamenti, il Pocho che viene sempre sostituito e che in pratica manda a quel paese Laurent Blanc che quasi in ogni partita lo toglie sistematicamente all’ora di gioco.

Una situazione difficile per l’argentino, situazione che via via ha spalancato la strada senza uscita: Lavezzi e Psg si diranno addio a fine stagione perché i tentativi di rinnovo del contratto (fino al 2016) non sono andati a buon fine. Le parti si scinderanno alla fine di questo campionato, anche perché è evidente che il club parigino sta cercando giocatori in quel ruolo e più giovani, sondaggi che al Pocho non sono piaciuti.
A Parigi, Lavezzi guadagna 4,5 milioni: l’ipotesi interista parte da 3,5 bonus compresi a salire negli anni. Sul finire di novembre il d.t. Piero Ausilio aveva incontrato Mazzoni, procuratore di Campagnaro ma soprattutto di Lavezzi.

Un altro approccio lo si avrà in questi giorni a Marrakech. Insomma: per sei mesi ci sarà Podolski e il resto si vedrà. Perché poi potrebbe unirsi al gruppo Lavezzi, e l’ingresso nei preliminari di Champions aiuterebbe non poco”.