Classifica Serie B, Bari ko. Novara in trionfo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Dicembre 2015 19:29 | Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre 2015 19:29

ROMA – Risultati della 17/a giornata del campionato di calcio di serie B.
Ascoli-Ternana 1-0.
Avellino-Pro Vercelli 1-0.
Cesena-Trapani 0-0 .
Entella-Latina 1-0 .
Modena-Bari 2-1.
Perugia-Novara 1-4.
Brescia-Pescara ore 18,30.
Como-Crotone domani.
Livorno-Salernitana domani.
Spezia-Vicenza domani.
Lanciano-Cagliari domani.

Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo le partite giocate oggi per la 17/a giornata.
P G V N P GF GS.
Crotone 34 16 10 4 2 28 13
Cagliari 33 16 10 3 3 31 15
Bari 32 17 9 5 3 22 17
Novara (-2) 31 17 10 3 4 23 11
Cesena 28 17 8 4 5 23 15
Pescara 25 16 7 4 5 23 20
Entella 25 17 6 7 4 14 14
Perugia 24 17 6 6 5 16 12
Brescia 24 16 6 6 4 24 23
Trapani 24 17 6 6 5 21 21
Livorno 21 16 6 3 7 21 19
Pro Vercelli 20 17 6 2 9 13 17
Vicenza 20 16 4 8 4 19 18
Latina 20 17 5 5 7 21 22
Avellino 19 17 5 4 8 26 27
Ternana 19 17 6 1 10 18 24
Spezia 18 16 4 6 6 16 25
Modena 18 17 5 3 9 13 21
Ascoli 17 17 5 2 10 12 23
Salernitana 16 16 3 7 6 17 23
Lanciano (-1) 14 16 3 6 7 13 20
Como 10 16 1 7 8 14 28
– Lanciano 1 punto di penalizzazione.
– Novara 2 punti di penalizzazione.

 

Secondo poker consecutivo del Novara di Baroni, che allo stadio Curi ha frantumato l’imbattibilità interna del Perugia superandolo per 4 reti a 1. Al 16′, dopo un ottimo avvio della squadra di Bisoli, è stato proprio il Novara a sbloccare con Corazza. Un gol che ha fermato a 736 minuti l’imbattibilità interna del portiere perugino Rosati. Poi bel gioco da entrambe le parti, con il Perugia più incisivo. Avvio di ripresa come quello del primo tempo: il Perugia attacca di più ma poi è il Novara, sempre al 16′, che va in rete con Evacua. Immediata la reazione biancorossa con Drolè che serve Parigini per l’1-2. Poi la squadra piemontese mette al sicuro i tre punti con i gol di Faragò (28′) e Galabinov (39′) per il definitivo 1-4.

Primo pareggio interno per il Cesena che continua a rallentare, buon punto per il Trapani che può recriminare per un primo tempo giocato meglio e non capitalizzato. Eramo subito dopo 4′ ha la palla buona ma il suo tiro dall’esterno destro dell’area si perde alto, Citro dopo un errore di Magnusson si invola tutto solo verso la porta ma viene murato da Gomis. Il Cesena è tutto in mezza girata di Perico uscita fuori. Nella ripresa i bianconeri prendono il pallino del gioco in mano ma non sono mai pericolosi, neanche quando sono in 11 contro 10 per l’espulsione di Raffaello per gioco pericoloso al 75′. La superiorità numerica dura circa 15′, fino all’ingenuità di Caldara, che già ammonito, un minuto prima del 90′ trattiene Coronado e si fa espellere. Alla fine sorride solo il Trapani.

L’Ascoli batte la Ternana per 1-0 al termine di un match che ha visto gli ospiti mantenere prevalentemente il pallino del gioco, soprattutto nel secondo tempo, senza però trovare la via del gol. Ascoli che parte bene gestendo la partita e va in vantaggio già al 15′. Cross da destra di Bellomo sul quale interviene Caturano che firma l’1-0 per i bianconeri. Insiste la squadra di Mangia che però dalla mezz’ora comincia a cedere le redini del gioco agli umbri, pericolosi con due tiri di Ceravolo, Falletti e un colpo di testa di Zampa. Occasione per i rossoverdi anche nella ripresa al 24′ quando Gondo mette al lato da buona posizione. Finale nervoso, ma senza emozioni.

Tre punti pesanti per l’Entella, al 12/o risultato utile consecutivo, che batte 1-0 il Latina al Comunale di Chiavari. Subito i padroni di casa ci provano con Troiano che spedisce a lato da buona posizione, mentre al 37′ arriva la replica degli ospiti con Olivera che imbecca Acosty: sul suo tiro interviene Iacobucci. Nella ripresa il Latina sfiora il vantaggio con Olivera e Scaglia, poi i liguri alzano il ritmo e segnano con Caputo al 30′, grazie a un penalty concesso per un fallo di mano di Bruscagin su cross di Cutolo. Poi si esalta il portiere dei pontini Farelli che nega il raddoppio a Caputo e Cutolo.

Risultato a sorpresa al Braglia di Modena, con la vittoria dei padroni di casa sul Bari. E’ finita 2-1, risultato che il Modena ha costruito nel primo quarto d’ora di gioco grazie alle reti di Nardini al 5′ e di Granoche al 16′. Il Bari è uscito troppo tardi nelle ripresa, dopo aver rischiato di prendere il terzo gol con il palo colpito da Luppi in avvio di ripresa. Al 23′ st su punizione il barese Sansone ha accorciato le distanze, il Bari ha cercato la via del pareggio, ma il Modena ha tenuto bene meritando la vittoria dopo tre ko di seguito. Inattesa la battuta d’arresto del Bari che ha sbagliato l’approccio alla gara.

L’Avellino si rimette in marcia battendo la Pro Vercelli con un gran gol di D’Angelo (11′ st) che dal limite dell’area fulmina Pigliacelli indirizzando la sfera all’incrocio dei pali. Gara delicatissima per entrambe le squadre, alle prese con una classifica deficitaria, che l’Avellino di Tesser, alla sua 400esima panchina da professionista, fa sua meritatamente. Gli irpini hanno infatti controllato agevolmente la squadra di Foscarini, seguita al “Partenio-Lombardi” da quattro eroici tifosi che hanno preso posto nella tribuna riservata agli ospiti, puntando nel primo tempo sulle incursioni di Tavano e sull’onnipresente D’Angelo in veste di ispiratore della manovra. La Pro Vercelli, mai seriamente pericolosa, pressa nel quarto d’ora finale, lasciando in campo tre attaccanti e inserendo Sprocati alle loro spalle ma gli irpini fanno muro a metà campo e ripartono con ordine. La vittoria degli irpini allontana le nubi sulla panchina di Tesser.