Emiliano Mondonico. Quando nel ’67 si fece squalificare per seguire i Rolling Stones dal vivo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 marzo 2018 11:06 | Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2018 11:42
Emiliano Mondonico. Quando nel '67 si fece squalificare per seguire i Rolling Stones dal vivo

Emiliano Mondonico. Quando nel ’67 si fece squalificare per seguire i Rolling Stones dal vivo

ROMA – Oggi che giustamente si commemora con emozione l’uomo e il maestro di calcio Emiliano Mondonico – scomparso dopo una lunga malattia all’età di 71 anni -, fa piacere ricordare anche il giovane Mondo versione “rocker”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Da calciatore, ala destra con il vizio del gol, non riuscì però a raccogliere l’eredità di un certo Gigi Meroni, che fu chiamato a sostituire dopo il fatale incidente che si portò via il George Best del Torino, una pop star del calcio.

Dopo che nella Cremonese del 1967 fece sfracelli – Meroni morì a ottobre – Mondonico era il candidato perfetto a prenderne il posto: dribbling e elettricità rock. Talmente rock che ad aprile, pur di non perdersi i mitici Rolling Stones, allora con ancora Brian Jones nella line-up, si fece squalificare per non perderseli. Era l’8 aprile, gli Stones si esibivano al PalaLido di Milano. Anni dopo Mondonico raccontò la sua fuga (da Football a 45 giri del 30 ottobre del 2015 intitolato Rock & Goal).

Brian Jones era seduto su una sedia di legno, simile a quella che ho alzato ad Amsterdam. Era uno spettacolo diverso da tutti. Noi eravamo abituati a Orietta Berti, a Nilla Pizzi, a Celentano. Era sconvolgente, ti prendeva…Mi sono fatto squalificare la domenica precedente. Gli Stones avrebbero suonato al sabato sera ed è chiaro che la trasferta sarebbe partita il sabato pomeriggio. Dovevamo giocare a Mestre. Mi sono fatto espellere.

Fisicamente non ero in grado di fare dei falli e allora ho cominciato a lanciare improperi all’arbitro. Quando lui si girava per vedere chi era, mi giravo anch’io. E non riusciva a capire chi fosse l’autore delle provocazioni. Alla fine, ha compreso. “È lei che mi ha insultato per tutta la partita?” L’importante era che mi buttasse fuori, così da potere andare a vedere gli Stones.Oltre a Brian Jones, Mick Jagger, un animale da palcoscenico.

Da Tony Dallara che faceva il falsetto, mi trovavo di fronte a Jagger. Eravamo abituati a Sanremo… In quel periodo erano i capelli che facevano la differenza. Noi obbligati da sempre alla sfumatura alta… La grande rivoluzione era avere i capelli lunghi. Era un grande contraltare con i genitori. Siamo entrati nel pomeriggio e poi ci siamo nascosti per sentire anche il concerto della sera. (Football a 45 giri)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other