George Weah: “Quando Baggio mi ripeteva che era tutto un magna, magna…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2018 16:39 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2018 16:39
George Weah presidente liberia

George Weah, nuovo presidente della Liberia

ROMA – Il primo atto da presidente di George Weah è stato ridursi di un quarto lo stipendio. Il denaro così risparmiato andrà a finanziare un fondo per l’innovazione e lo sviluppo del Paese. Oltre a questo Weah ha promesso di modificare la Costituzione liberiana, che, ad oggi, limita la presenza di imprese e imprenditori stranieri nel Paese dove, spiega in un’intervista ad Avvenire, “due guerre civili ed Ebola hanno causato 250mila morti. Il 54% della popolazione vive sotto la soglia della povertà, un milione e 300mila persone sono in condizioni di povertà estrema”.

Weah rifiutò anche la maglia della nazionale francese per indossare quella liberiana con la quale non ha mai partecipato ai Mondiali. “Indossare la maglia della Liberia valeva più di un Mondiale. Volevo contribuire – ricorda – alla rinascita del mio Paese, partendo dal calcio”.

Dal calcio si imparano molte cose. “Quando giocavamo insieme nel Milan Roberto Baggio mi ripeteva che “è tutto un magna magna”. Ho messo la lotta alla corruzione al primo punto del mio programma”.

“Dopo l’elezione – racconta al quotidiano cattolico – mi sono arrivate due magliette rossonere firmate da Gattuso e dai ragazzi. La prima con il numero 9, il mio numero quando giocavo nel Milan. E l’altra con il numero 1 inteso come “primo” con la scritta “Presidente George”. Voglio ringraziare tutti gli italiani. Mi hanno insegnato molto. E mi sono stati vicini. Sempre. Vivere in Italia è stata un’esperienza meravigliosa. Ho trovato tanti amici. E non solo tra quelli che amano il calcio. Molti italiani mi hanno aiutato. E continuano a farlo. Mi danno consigli. Intervengono anche economicamente”.

Un grazie speciale Weah lo rivolge “a Silvio Berlusconi che in passato ha fatto tanto per me e indirettamente per la Liberia. Si è subito complimentato dopo la mia elezione, così come ha fatto Adriano Galliani. Anche da voi ci saranno le elezioni. Se Berlusconi dovesse vincere magari potremmo parlare. Conta la sostanza. E la Liberia ha bisogno di amici”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other