Liechtenstein-Italia, perché è stato suonato l’inno inglese? La spiegazione

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 15 Ottobre 2019 22:02 | Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre 2019 22:02
Liechtenstein Italia inno inglese God Save The Queen perché

Liechtenstein Italia, il centrocampista azzurro Nicolò Zaniolo in azione (foto Ansa)

VADUZ (LIECHTENSTEIN) – Non capita tutti i giorni di giocare contro il Liechtenstein e per questo motivo, al momento degli inni nazionali, siamo rimasti tutti a bocca aperta. Perché il loro inno è uguale a quello inglese? La spiegazione è semplice. La melodia è identica a “God Save The Queen” ma le parole sono diverse. 

Inno Liechtenstein, ecco perché sembra quello inglese. 

Oben am jungen Rhein (in italiano: “In alto lungo il giovane Reno”) è l’inno nazionale del Liechtenstein.

Il testo venne scritto nel 1850 da Jakob Josef Jauch (1802-1859). La melodia è la stessa dell’inno britannico God Save the Queen. L’ascesa al trono dei principi elettori tedeschi di Hannover fece sì che l’inno britannico del 1745 divenisse tale per tutta la Confederazione Germanica, e quindi anche per il Liechtenstein, che appunto nel 1850 lo munì di un testo.

Dopo la creazione dell’Impero tedesco nel 1870,   si staccò dalla vecchia confederazione, ma mantenne l’inno. Nel 1920 lo ha riconfermato come inno nazionale.

Fino al 1963 la prima strofa recitava “Oben am deutschen Rhein”, ovvero “In alto lungo il Reno tedesco”, in quell’anno i riferimenti alla Germania nel testo furono eliminati.

È costume, al suono del verso “Hoch leb’ der Fürst vom Land” (“Viva il principe del Paese”), di levare in alto il braccio destro. Poiché questo gesto ricorda il saluto nazista, molti al giorno d’oggi evitano di farlo.

La traduzione dell’inno   da Wikipedia. 

In alto lungo il giovane Reno
si stende il Liechtenstein
sulle alture alpine.
Questa amata terra di casa,
la cara patria,
è stata eletta per noi
dalla saggia mano di Dio.
Viva il Liechtenstein
fiorente lungo il giovane Reno,
felice e fedele.
Viva il Principe del Paese,
viva la nostra patria,
libera e unita
da legami di amore fraterno (fonte Wikipedia).