Mihajlovic torna a Bologna, tributo da brividi al Dall’Ara. Con la Spal finisce 1-0

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 30 Agosto 2019 22:40 | Ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2019 22:40
Mihajlovic Bologna Spal Foto ovazione 1-0 Spal VAR

Mihajlovic ringrazia i tifosi del Bologna (foto Ansa)

BOLOGNA – Emozioni forti a Bologna per il tributo da brividi che lo stadio Dall’Ara ha riservato a Sinisa Mihajlovic. “Combattiamo ogni battaglia per Sinisa e per la maglia”. Con questo striscione la curva del Bologna ha accolto l’ingresso in campo dei rossoblù nel derby contro la Spal.

E una standing ovation ha salutato l’arrivo sull’erba di Mihajlovic, dimesso mercoledì dall’ospedale dopo il primo ciclo di terapie per curare la leucemia. Il tecnico è entrato in campo dopo le formazioni, cuffia rossoblù in testa.
    Il serbo ha risposto battendosi il petto e ringraziando gli spettatori, tutti in piedi, poi si è sistemato davanti alla panchina, senza neppure sedersi.

La partita è stata vinta dal Bologna grazie ad un gol segnato da Soriano di testa al 93′ dopo diversi minuti di dominio territoriale da parte dei rossoblù. I padroni di casa hanno cercato la via del gol con maggiore insistenza rispetto alla Spal ma, fino al 93′, si sono dovuti arrendere alla serata di grazia del portiere ospite Berisha. 

Rigore Bologna Spal var Cionek mano social furiosi decisione arbitro di bello

Rigore non assegnato al Bologna dopo consultazione del VAR (fermo immagine Sky Sport)

Due grandi episodi da moviola. Al 10′ del secondo tempo, l’arbitro Di Bello ha consultato il VAR per prendere una decisione su un fallo di mano di Cionek su giocata di Sansone nell’area di rigore della Spal ma ha deciso di non assegnare il tiro dagli undici metri ai padroni di casa. Al 90′, l’arbitro Di Bello ha annullato il gol del possibile vantaggio a Santander per un fuorigioco che sembrava esserci. Poi al 93′ è arrivato il gol di Soriano che ha regalato i tre punti al Bologna.

Mihajlovic, prima di Bologna-Spal, passeggiata in centro con la moglie. 

Prima di essere presente in panchina per la seconda giornata consecutiva, Mihajlovic ha voluto regalarsi qualche ora di relax nel centro di Bologna in compagnia della moglie Arianna Rapaccioni. Il selfie della coppia è stato pubblicato su Instagram dalla moglie Arianna Rapaccioni che compare con lui, raggiante, nel centro di Bologna. Il selfie è stato accompagnato dalla frase “Conta i fiori del tuo giardino, mai le foglie che cadono”. Un “buongiorno” che sui social anche le figlie Virginia e Viktorija condividono, raccogliendo centinaia di commenti di incoraggiamento.

In particolare, Virginia Mihajlovic ha scritto: «Stamattina questo è stato il mio Buongiorno. Mia mamma vabbè, lo sapete già quanto è bella. Ma vogliamo parlare di mio papà?» (fonti Ansa e social network).