Volata Champions League, alla Roma basta un punto. L’Inter costretta a due vittorie

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 maggio 2018 12:46 | Ultimo aggiornamento: 7 maggio 2018 12:46
volata champions

Volata Champions League, alla Roma basta un punto. L’Inter costretta a due vittorie

ROMA – A 180 minuti dalla fine del campionato, sono due le certezze nella volata per il terzo e quarto posto, gli ultimi due posti disponibili per accedere alla prossima edizione della Champions League.

Alla Roma basterà un punto per qualificarsi alla Champions League, mentre l’Inter sarà costretta a vincere le ultime due gare se vorrà prendere parte, dopo 6 anni, alla competizione più importante in Europa.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Alla 36esima giornata questa la classifica: ROMA 73, LAZIO 71, INTER 69.

Vediamo tutte le combinazioni possibili in vista delle ultime due giornate di campionato.

Scontri diretti: Inter in vantaggio sulla Roma; Roma in vantaggio sulla Lazio; Inter e Lazio alla pari aspettando l’ultima giornata. Solo una tra Inter e Lazio può raccogliere 6 punti e dunque a quota 74 la Roma è aritmeticamente in Champions League. Può essere scavalcata dall’Inter (con due vittorie sarebbe a 75) ma a quel punto al massimo raggiunta dalla Lazio, con cui è in vantaggio negli scontri diretti.

Teoricamente, se la Lazio non vincesse più, la Roma sarebbe in Champions anche con due ko: a 73 punti possono arrivare le due romane insieme (e l’Inter dietro, a 70 o 71 punti) oppure tutte e tre le pretendenti. La classifica avulsa direbbe: Inter terza, Roma quarta, Lazio quinta.

Se l’Inter batte il Sassuolo e la Lazio pareggia a Crotone e la Roma prende almeno un punto nelle ultime due giornate, potrebbero chiudere entrambe a 73 pareggiando anche nello scontro diretto di ritorno come all’andata. In questo caso, con la Roma terza, deciderebbe la differenza reti generale, oggi +41 per la Lazio e +36 per l’Inter che dovrebbe battere il Sassuolo con 6 gol di scarto per scavalcare la Lazio.

A parità di differenza reti generale, conterebbero i gol fatti: distanza abissale, 85 a 62 per i biancocelesti. Dunque: Lazio dentro con 2 pareggi se l’Inter dà al massimo 5 gol di scarto al Sassuolo e la Roma fa almeno un punto.