Vip al lago di Como, “succursale” di Hollywood

Pubblicato il 3 Agosto 2011 0:32 | Ultimo aggiornamento: 3 Agosto 2011 0:33

COMO – Un tempo si parlava di Hollywood sul Tevere. Oggi si può parlare di Hollywood sul lago di Como. La splendida località della Lombardia sta attirando da tempo attori, attrici e starlette di grande e medio calibro, dopo che il divo più divo di tutti, George Clooney, lo ha eletto, ormai otto anni fa a suo buon ritiro, portando con sé amici e parenti vari.

Spesso infatti nelle estati lacustri del bel George i fan appostati, hanno visto attraccare al porticciolo di Villa Oleandra le barche della famigliola Jolie-Pitt con numerosa prole al seguito, il “Lost in translation” Bill Murray, la diva dal passato burrascoso Drew Barrymore (solo per citarne alcuni), così che Laglio, da paradiso per conoscitori del lago è diventato una succursale di Los Angeles con tanto di paparazzi e fan costantemente appostati.

Una sorte che potrebbe capitare anche al (comunque molto meno appartato) comune di Menaggio sempre sul lago di Como, dove un attore bello e di belle speranze, ma ancora lontano anni luce dalla fama di Clooney (e da un sacco di altre cose), ha preso casa: si tratta di Robert Pattinson.

Certo famoso è famoso, forse non è ancora un divo planetario e impegnato come Clooney, ma i milioni di appassionati della saga dei vampiri di Twilight sanno bene chi è. Verosimilmente, non susciterà un trambusto paragonabile a quello che combina Clooney, ormai da tempo prigioniero di casa sua, con fan e fotografi a fare da carcerieri.

Nonostante questo c’è da aspettarsi che saranno molte le giovani fan innamorate, se non di lui, per lo meno del suo esangue personaggio, il vampiro Edward, a dargli la caccia e a sognare di incontrarlo. Senza contare che Pattinson ha avuto modo di lasciare un piccolo segno anche nei film di Harry Potter interpretando lo sfortunato Cedric Diggory in “Harry Potter e il calice di fuoco”.

La casa delle vacanze dell’attore inglese secondo indiscrezioni e bene informati sarebbe una magione di tutto rispetto, con tanto di campo da tennis e parco, costata, ettaro più ettaro meno cinque milioni e mezzo di euro.