Francesca Pascale: “Io né gay né etero. Sono innamorata di Berlusconi”

di Alessandro Avico
Pubblicato il 2 Novembre 2019 15:24 | Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2019 15:24
Francesca Pascale: "Io né gay né etero. Sono innamorata di Berlusconi"

Francesca Pascale (Foto Ansa)

ROMA – Francesca Pascale in una intervista al Fatto Quotidiano affronta i temi più privati del suo rapporto con Silvio Berlusconi. “Di lei hanno detto che è lesbica: le ha mai pesato?”, le chiede l’intervistatrice, Francesca Fagnani. “Non mi sono mai sentita offesa, semmai violata nella privacy. Ho subito sulla mia persona la discriminazione dovuta a un amore non convenzionale con un uomo più grande di 49 anni. Non ho mai usato paletti per definirmi, non ho mai detto né di essere eterosessuale né gay. Nelle amicizie come nell’amore non seguo stereotipi. Dieci anni fa mi sono innamorata di un uomo straordinario, domani chissà”.

Quindi la Pascale parla dei figli di Berlusconi: “Non si intrometterebbero mai nella vita del padre, non è nel loro stile. Certo, hanno un atteggiamento vigile e di tutela, ma questo è comprensibile vista l’enorme differenza di età. Ho sempre dovuto fare un gran lavoro per farmi riconoscere per quello che sono: questo è indubbio”.

“Sono 15 anni che stiamo insieme, fosse stata una relazione di puro calcolo sarebbe già finita. Mi hanno detto di tutto, ma io sono fortunata, per questo ho creato un’associazione per difendere chi non può farlo da solo”. La definizione che più la fa soffrire? “Mi mortificano quando mi definiscono la badante“. (Fonte Il Fatto Quotidiano).