Gentiloni: “La Rai aveva promesso il pareggio di bilancio nel 2012. Falso?”

Pubblicato il 14 settembre 2012 18:41 | Ultimo aggiornamento: 14 settembre 2012 20:37
Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni (Lapresse)

ROMA – “La Rai perde 100 milioni in 6 mesi. Lo aveva denunciato Rizzo Nervo ma il vertice di Vigilanza il 29/2 parlò di pareggio. Falso?”. Se lo chiede Paolo Gentiloni del Pd in un tweet, a proposito dello squilibrio nei conti della tv pubblica. Gentiloni parla in vista del Cda del 19 settembre in cui sarà esaminata la semestrale. Il riferimento è all’annuncio di mesi fa, quando a Viale Mazzini i consiglieri hanno votato fior fior di milioni di tagli con la promessa di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2012.

A febbraio, pochi giorni dopo le sue dimissioni dal consiglio di amministrazione Rai, Rizzo Nervo, in un intervento sul quotidiano Europa, elencava i motivi per cui a suo giudizio il governo era titolato a intervenire per la riforma della tv pubblica. ”Il primo: tutte le riforme della Rai sono avvenute su iniziativa dei governi”. Inoltre è la stessa legge Gasparri che ”stabilisce per la prima volta che la Rai è una società a capitale pubblico le cui azioni appartengono al Tesoro” e ancora ”riconosce l’obbligo del governo a intervenire quando stabilisce che il ministero dell’economia nella qualità di azionista nomina un consigliere di amministrazione, designa il presidente e concorre significativamente a determinare il direttore generale”.

Infine, ”è sempre il governo attraverso il ministero dello Sviluppo economico che stipula il contratto di servizio e vigila sulla sua corretta applicazione da parte della Rai”. Tutto il resto ”sono chiacchiere, buone soltanto per alimentare una polemica politica”.