Stalking a Michelle Hunziker: il perito si dimentica dell’udienza, e fa slittare la sentenza

Pubblicato il 11 Ottobre 2010 14:47 | Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre 2010 14:56

Michelle Hunziker

Non si è presentato in aula il perito psichiatra che oggi, 11 ottobre, avrebbe dovuto testimoniare nel processo milanese a carico di Fabrizio P., cagliaritano di 30 anni, accusato di aver minacciato e pedinato in maniera ossessiva la showgirl Michelle Hunziker. Così il procedimento, che si sarebbe dovuto concludere oggi, è stato rinviato al prossimo 15 novembre.

Il medico consulente era stato citato per illustrare la perizia psichiatrica sulle condizioni dell’imputato che, secondo la difesa, sarebbe affetto da disturbi mentali.

Lo psichiatra, che nella sua relazione depositata alcune settimane fa aveva riscontrato un ”disturbo bipolare maniacale con manifestazioni psicotiche”, non si è presentato al processo, perché si sarebbe dimenticato dell’udienza.

L’imputato è accusato di violenza privata,dal momento che all’epoca dei fatti contestati, tra il gennaio 2006 e il marzo 2008, non c’era ancora il reato di stalking, introdotto solo di recente nell’ordinamento.

La showgirl, rappresentata dall’avvocato Davide Steccanella, si è costituita parte civile nel processo. Nella prossima udienza, dopo la testimonianza del perito, accusa e difesa dovrebbero concludere e il giudice ritirarsi in camera di consiglio per la sentenza.